La parità, giorno per giorno

parità sport

La parità si costruisce così, giorno per giorno. E si costruisce sui grandi temi, i cui due numeri chiave sono 194 e 37, e si costruisce sui temi più piccoli, ma non per questo meno carichi di significato e meno degni di occupare il dibattito pubblico, se sono parte di una sfida da condurre a tutto campo.

Nel nostro caso, oltre alla sfida della parità, c’è quella della #parispesa. Come ha scritto Giuseppe Civati, «sulla condizione generale della spesa delle donne: sembra un’assurdità (e lo è) ma gli stessi prodotti se destinati alle donne costano più di quanto non costino agli uomini. In Uk si parla del 37% in più».

E il primo caso individuato dal nostro piccolo ma efficientissimo osservatorio è quello della Marcia Gran Paradiso, una gara di sci di fondo organizzata con cadenza annuale a Cogne (AO), in Valle d’Aosta, cui partecipano anche atlete e atleti di altissimo livello, tanto che dall’anno 2016 l’evento è entrato a far parte del circuito internazionale Euroloppet. In questo caso la discriminazione non riguarda la spesa, ma i premi. Nell’interrogazione che abbiamo presentato, a prima firma Beatrice Brignone, si legge che «il montepremi a parità di percorso e di costo d’iscrizione nella stessa disciplina e con la medesima difficoltà è differenziato per l’importo premiale tra competizione maschile e femminile; infatti, il primo premio destinato agli uomini è di euro mille mentre per le donne è di euro quattrocento, per chi si aggiudica il secondo posto agli uomini, è destinato un premio pari a euro seicento e alle donne di euro trecento, e così via».

«Un evento così importante – prosegue Brignone – deve invece garantire l’esercizio dei valori fondanti dello sport, contro ogni forma di discriminazione e di sessismo, in considerazione che lo sport dovrebbe sempre e in ogni caso diffondere la partecipazione, l’inclusione e il rispetto di ogni atleta e partecipante alle competizioni sportive agonistiche, dilettantistiche e amatoriali».

Principi, tra l’altro, sanciti dal CONI, secondo cui a parità di competizione i riconoscimenti in denaro non devono essere differenti.

Una piccola battaglia, all’interno di una grande sfida.

LEGGI IL TESTO DELL’INTERROGAZIONE

Aggiornamento: proprio a causa delle numerose proteste che si sono sollevate, il comitato organizzatore della Marcia Gran Paradiso ha modificato l’ammontare dei premi, equiparandoli (primo premio, sia maschile che femminile, pari a 800 Euro).

Post Correlati