A chi manca Manconi

Nel caos liste di que­ste set­ti­ma­ne, figlio natu­ra­le di que­sta leg­ge elet­to­ra­le defi­ni­ta scia­gu­ra­ta dagli stes­si soste­ni­to­ri del par­ti­to che l’ha idea­ta, in mol­ti han­no nota­to e lamen­ta­to l’assenza nel­le liste del Pd di figu­re come quel­la di Lui­gi Man­co­ni, del­la sin­da­ca di Lam­pe­du­sa Nico­li­ni e di altre figu­re che come loro in que­sti anni si sono bat­tu­te in pri­ma fila per la dife­sa dei dirit­ti uma­ni.

La loro assen­za, comun­que la si pen­si sul par­ti­to che li ha esclu­si, lascia sicu­ra­men­te un vuo­to e rischia di ren­de­re il pros­si­mo Par­la­men­to più pove­ro su uno dei fron­ti dove già si è mostra­to mol­to sco­per­to nel cor­so dell’ultima legislatura.

Un vuo­to che inten­dia­mo colmare.

Con Pos­si­bi­le, sia­mo feli­ci di segna­la­re che ci sono figu­re, come quel­la di Andrea Mae­stri e di Ste­fa­no Cato­ne, che pos­so­no con­tri­bui­re a tene­re alte quel­le ban­die­re, all’interno del­le liste di Libe­ri e Ugua­li.

Andrea Mae­stri ha dedi­ca­to lar­ga par­te del suo nutri­to impe­gno come par­la­men­ta­re di Pos­si­bi­le nel­la scor­sa legi­sla­tu­ra pro­prio al tema del­le migra­zio­ni e dell’acco­glien­za, spen­den­do­si in pri­ma per­so­na con­tro le scia­gu­ra­te poli­ti­che di Min­ni­ti, lavo­ran­do con asso­cia­zio­ni, sin­da­ca­ti e Ong a una pro­po­sta di rifor­ma del testo uni­co sull’immigrazione che dareb­be final­men­te al nostro pae­se un per­cor­so chia­ro, tra­spa­ren­te e lega­le per l’immigrazione, l’accoglienza e l’integrazione.

Ste­fa­no Cato­ne da anni stu­dia il feno­me­no del­la migra­zio­ne e le poli­ti­che dell’accoglienza (“SPRAR!” Il suo gri­do di bat­ta­glia), è auto­re di “Nes­sun Pae­se è un’Isola” un libro che rac­co­glie i miglio­ri esem­pi di un’accoglienza pos­si­bi­le, rigo­ro­sa, che fun­zio­na e che esi­ste già. È for­se l’attivista poli­ti­co del nostro pae­se che più si spen­de per sfa­ta­re i fal­si miti del­la destra (e di un cer­to gover­ni­smo musco­la­re che abi­ta al momen­to al Vimi­na­le) sul­le migrazioni.

Da una par­te, la xeno­fo­bia del­la destra e la fal­sa rispo­sta del­la dot­tri­na Min­ni­ti, che die­tro alla fac­cia­ta Legge&Ordine nascon­de una tra­gi­ca vio­la­zio­ne dei dirit­ti uma­ni in Libia e una pro­se­cu­zio­ne del­la gestio­ne “emer­gen­zia­le” e poco tra­spa­ren­te dell’accoglienza.

Dall’altra una pro­po­sta nuo­va e com­pe­ten­te che ripren­de la tra­di­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra ita­lia­no e un rifor­mi­smo che sap­pia coniu­ga­re rigo­re e uma­ni­tà.

Se anche voi pen­sa­te che i valo­ri e le pra­ti­che che Man­co­ni e Nico­li­ni rap­pre­sen­ta­no meri­ti­no di sede­re nel nostro par­la­men­to, pote­te esse­re sicu­ri che soste­nen­do Andrea Mae­stri e Ste­fa­no Cato­ne la voce dei dirit­ti, dell’accoglienza, del­la lega­li­tà e del­la tra­spa­ren­za si farà sen­ti­re for­te e chia­ra nel­la pros­si­ma legi­sla­tu­ra.

Insom­ma, se vi man­ca Man­co­ni, sie­te Libe­ri e Uguali.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.