Appello-manifesto #primadeldiluvio

Muo­via­mo dall’arti­co­lo 9 del­la Costi­tu­zio­ne ita­lia­na che dice due cose importanti:

«La Repub­bli­ca pro­muo­ve lo svi­lup­po del­la cul­tu­ra e la ricer­ca scien­ti­fi­ca e tec­ni­ca.
Tute­la il pae­sag­gio e il patri­mo­nio sto­ri­co e arti­sti­co del­la Nazione».

Due cose impor­tan­ti di per sé e impor­tan­ti anche e soprat­tut­to per­ché i costi­tuen­ti le han­no col­le­ga­te tra loro. È l’articolo 9 nel suo com­ples­so, che ci inte­res­sa: quan­to la cul­tu­ra, la scien­za e la tec­ni­ca pos­sa­no aiu­tar­ci a tute­la­re il pae­sag­gio, il nostro patri­mo­nio, l’ambiente che ci circonda.

Ecco, que­sto è il pat­to che vi pro­po­nia­mo e la sfi­da che vor­rem­mo con­di­vi­de­re con voi.
Qua­le radi­ca­le cam­bia­men­to met­te­re in atto per fer­ma­re i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci: e non è un gio­co di parole.

Qua­li stru­men­ti adot­ta­re per fare un sal­to nel futu­ro, pri­ma di esse­re som­mer­si dal­le onde. Que­stio­ne che noi, come peni­so­la, dovrem­mo por­ci pri­ma di altri.

Qua­le soste­gno dare all’auto­pro­du­zio­ne di ener­gia, alla rifor­ma fisca­le in sen­so ambien­ta­le (vedi alla voce Car­bon tax), alla ricer­ca che ci pos­sa far fare pas­si da gigan­te: quel gigan­te che Ale­xan­der Lan­ger indi­vi­dua­va in san Cri­sto­fo­ro, che si met­te il bam­bi­no sul­le spal­le per attra­ver­sa­re il fiu­me in piena.

Ecco, qua­le pae­se e qua­le pia­ne­ta con­se­gne­re­mo ai nostri figli, per capi­re se ci sarà anco­ra un pia­ne­ta da con­se­gna­re ai nostri nipoti.

Una sfi­da ambien­ta­le e socia­le insie­me, che si basa su una logi­ca di comu­ni­tà eco­lo­gi­ca, in sen­so pie­no, per­ché la comu­ni­tà è eco­lo­gi­ca o non è. Per­ché un Pae­se pove­ro di risor­se fos­si­li si rin­no­vi attra­ver­so nuo­ve risor­se, che appun­to si rin­no­vi­no e ci libe­ri­no dal­la dipen­den­za da sceic­chi e dittatori.

Una sfi­da eco­no­mi­ca, per­ché gli stru­men­ti che per­met­to­no l’u­sci­ta dal­la cri­si ambien­ta­le sono quel­li più uti­li anche per rispon­de­re a cri­si socia­le e del lavo­ro, che ci ren­do­no più com­pe­ti­ti­vi e meno fra­gi­li e espo­sti ver­so ciò che acca­de intor­no a noi.

All’insegna dell’articolo 9, sia­mo alla ricer­ca di cul­tu­ra, di solu­zio­ni scien­ti­fi­che e tec­no­lo­gi­che, di un pro­get­to che resti­tui­sca una voca­zio­ne all’Italia, dopo anni di iner­zia e di oblio.

Scri­ve­te­ci, vi leg­ge­re­mo e vi ver­re­mo a tro­va­re: italia@possibile.com

Giu­sep­pe Civati

Anna­li­sa Corrado

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.