Boschi e Lorenzin sì vergognino

La tutela uniforme dei livelli essenziali delle prestazioni è un principio già sancito dalla Costituzione e per il quale lo Stato già ora può intervenire direttamente. Boschi e Lorenzin la smettano di strumentalizzare la sofferenza.

For­se pri­ma di rifor­mar­la biso­gne­reb­be alme­no leg­ger­la, la Costi­tu­zio­ne. Di cer­to biso­gne­reb­be leg­ger­la pri­ma di lan­ciar­si in affer­ma­zio­ni mol­to, mol­to sci­vo­lo­se, che toc­ca­no la sof­fe­ren­za più vera, quel­la lega­ta alla malattia.

Tut­to il gover­no, a par­ti­re dal­le mini­stre Boschi e Loren­zin, insi­ste da gior­ni su que­sto pun­to, soste­nen­do che gra­zie alla rifor­ma costi­tu­zio­na­le potran­no esse­re garan­ti­ti e appli­ca­ti livel­li omo­ge­nei di cura e assi­sten­za su tut­to il ter­ri­to­rio nazio­na­le, e che quin­di si potran­no cura­re in manie­ra ade­gua­ta i mala­ti di can­cro e dia­be­te da Made­si­mo a Cori­glia­no Cala­bro. Tut­to ciò gra­zie all’ag­giun­ta di nove paro­le all’art. 117 del­la Costi­tu­zio­ne (che stu­pi­di a non aver­ci pen­sa­to prima!).

Ovvia­men­te tut­to ciò non è vero, e sareb­be anche il caso di smet­ter­la, per­lo­me­no per rispet­to di chi soffre.

L’ar­ti­co­lo attua­le reci­ta che lo Sta­to ha legi­sla­zio­ne esclu­si­va nel­la «deter­mi­na­zio­ne dei livel­li essen­zia­li del­le pre­sta­zio­ni con­cer­nen­ti i dirit­ti civi­li e socia­li che devo­no esse­re garan­ti­ti su tut­to il ter­ri­to­rio nazio­na­le», men­tre è com­pe­ten­za con­cor­ren­te la «tute­la del­la salu­te». Quin­di: allo Sta­to il com­pi­to di det­ta­re le nor­me gene­ra­li (comu­ni su tut­to il ter­ri­to­rio nazio­na­le), alle regio­ni quel­lo di entra­re più nel det­ta­glio. Secon­do il gover­no ciò non è abba­stan­za, e quin­di la rifor­ma pro­po­ne di aggiun­ge­re alla com­pe­ten­za esclu­si­va del­lo Sta­to le «dispo­si­zio­ni gene­ra­li e comu­ni per la tute­la del­la salu­te», sen­za amplia­re quin­di la com­pe­ten­za esclu­si­va del­lo Sta­to, e lascian­do alle regio­ni il resto del­la disci­pli­na (pro­prio come oggi) e in par­ti­co­la­re — spe­ci­fi­ca — com­pi­ti «di pro­gram­ma­zio­ne e orga­niz­za­zio­ne dei ser­vi­zi sani­ta­ri e socia­li». In pra­ti­ca non cam­bia nul­la. Di fat­to la rifor­ma riba­di­sce una com­pe­ten­za con­cor­ren­te, ma spac­chet­ta­ta in due elen­chi: da una par­te ciò che fa lo Sta­to, dal­l’al­tra par­te ciò che fan­no le regio­ni, esat­ta­men­te com’è ora. 

Ecco per­ché la rifor­ma non cam­bia la disci­pli­na costi­tu­zio­na­le del dirit­to alla salu­te. Come ciò pos­sa ave­re effet­ti mira­co­lo­si sul­le cure e sul­le pre­sta­zio­ni sani­ta­rie resta un mistero.

Ma c’è di più, per­ché, come dice­va­mo, la Costi­tu­zio­ne va let­ta tut­ta, pri­ma di modi­fi­car­la. Leg­gen­do­la tut­ta si sco­pri­ran­no altre due cose.

La pri­ma è l’ar­ti­co­lo 32, che reci­ta: «La Repub­bli­ca tute­la la salu­te come fon­da­men­ta­le dirit­to dell’individuo e inte­res­se del­la col­let­ti­vi­tà, e garan­ti­sce cure gra­tui­te agli indi­gen­ti». Indi­vi­duo (non cit­ta­di­no: indi­vi­duo) e col­let­ti­vi­tà. Un prin­ci­pio che per­ciò si appli­ca al sin­go­lo e che si appli­ca a tutti.

La secon­da è l’ar­ti­co­lo 120, il qua­le — udi­te udi­te! — reci­ta che «Il Gover­no può sosti­tuir­si a orga­ni del­le Regio­ni, del­le Cit­tà metro­po­li­ta­ne, del­le Pro­vin­ce e dei Comu­ni […] quan­do lo richie­do­no la tute­la dell’unità giu­ri­di­ca o dell’unità eco­no­mi­ca e in par­ti­co­la­re la tute­la dei livel­li essen­zia­li del­le pre­sta­zio­ni con­cer­nen­ti i dirit­ti civi­li e socia­li, pre­scin­den­do dai con­fi­ni ter­ri­to­ria­li dei gover­ni loca­li. La leg­ge defi­ni­sce le pro­ce­du­re atte a garan­ti­re che i pote­ri sosti­tu­ti­vi sia­no eser­ci­ta­ti nel rispet­to del prin­ci­pio di sus­si­dia­rie­tà e del prin­ci­pio di lea­le col­la­bo­ra­zio­ne». Altro­ché “clau­so­la di supre­ma­zia”! L’ar­ti­co­lo 120 indi­vi­dua alcu­ne fat­ti­spe­cie in cui lo Sta­to può sosti­tuir­si agli enti ter­ri­to­ria­li, dice “come” può sosti­tuir­si (prin­ci­pio di lea­le col­la­bo­ra­zio­ne) e dice che tra le mate­rie rien­tra la «tute­la dei livel­li essen­zia­li del­le pre­sta­zio­ni con­cer­nen­ti i dirit­ti civi­li e socia­li». Nien­te di più, nien­te di meno.

Cara mini­stra Boschi, cara mini­stra Loren­zin, lascia­te per­de­re le per­so­ne mala­te e la loro sof­fe­ren­za, che con que­sta rifor­ma non c’en­tra­no nul­la.

La Costi­tu­zio­ne è chia­ris­si­ma. Basta appli­car­la. Dopo aver­la let­ta, si inten­de.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.