Camorra, Civati: Grave il coinvolgimento di Graziano. Il Pd in questi anni ha sottovalutato il fenomeno, enorme responsabilità morale

ROMA, 26 APR – “In un momen­to tan­to deli­ca­to per Napo­li e la Cam­pa­nia, con una nuo­va guer­ra di camor­ra in atto che sta lascian­do per le stra­de mor­ti e un dif­fu­so sen­so di impo­ten­za tra i cit­ta­di­ni, appa­re assai gra­ve l’en­ne­si­ma inchie­sta che col­le­ga il mon­do degli appal­ti, il clan dei casa­le­si ed espo­nen­ti di spic­co del­la poli­ti­ca loca­le. La pre­sun­zio­ne d’in­no­cen­za è dove­ro­sa, ma non si può non rile­va­re la gra­vi­tà del coin­vol­gi­men­to del pre­si­den­te del Pd cam­pa­no Ste­fa­no Gra­zia­no nel­l’in­chie­sta coor­di­na­ta dal­la Dire­zio­ne distret­tua­le anti­ma­fia di Napo­li”. Lo dice l’esponente di Pos­si­bi­le Pip­po Civa­ti.

“In que­sti anni la Cam­pa­nia trop­pe vol­te è sta­ta tea­tro di inchie­ste che han­no get­ta­to pesan­ti ombre sul mon­do del­la poli­ti­ca. E se ci sono del­le respon­sa­bi­li­tà mora­li, anche se non pena­li, sono pur­trop­po da impu­ta­re ad un par­ti­to di Gover­no, il Pd, che in que­sti anni ha sot­to­va­lu­ta­to il feno­me­no ‘cam­bian­do ver­so’ solo sul­la car­ta.

I richia­mi del­la Com­mis­sio­ne par­la­men­ta­re anti­ma­fia, che pri­ma del­le ele­zio­ni regio­na­li ave­va posto l’ac­cen­to sul caso Cam­pa­nia, sono rima­sti ina­scol­ta­ti, quan­do non sono diven­ta­ti il ter­re­no di scon­tro per ingag­gia­re una guer­ra tra isti­tu­zio­ni fat­ta di slo­gan e popu­li­smo. E oggi rac­co­glia­mo i frut­ti avve­le­na­ti di anni di stru­men­ta­liz­za­zio­ni e sot­to­va­lu­ta­zio­ne del prin­ci­pa­le pro­ble­ma del Sud e di quel­la Regio­ne. Non si scon­fig­ge la camor­ra se non si spez­za­no le cate­ne pesan­tis­si­me che lega­no il mon­do cri­mi­na­le e quel­lo isti­tu­zio­na­le e del­la pub­bli­ca ammi­ni­stra­zio­ne. Il con­cor­so ester­no ormai va impu­ta­to anche a chi si vol­ta dal­l’al­tra parte.”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.