Ci stiamo organizzando. Ce lo chiede la Costituzione

Ormai è evi­den­te che vivia­mo in un Pae­se com­ple­ta­men­te caren­te di clas­se diri­gen­te, che sia di matri­ce stret­ta­men­te poli­ti­ca o non politica.

Sia­mo pas­sa­ti da due gover­ni poli­ti­ci a mag­gio­ran­ze varia­bi­li che copri­va­no alme­no il 90% del Par­la­men­to che si sono dimo­stra­ti com­ple­ta­men­te inca­pa­ci, al gover­no cd. “tec­ni­co”, gui­da­to dal­la figu­ra che appa­ri­va la più rap­pre­sen­ta­ti­va a livel­lo mon­dia­le, gover­no che tie­ne den­tro da solo il 90% del par­la­men­to, che distri­bui­sce par­te dei mini­ste­ri alla poli­ti­ca e in più aggiun­ge i “tec­ni­ci”, e sia­mo sem­pre lì, non ci sia­mo spo­sta­ti di un mil­li­me­tro (anzi).

Que­sti gover­ni han­no nomi­na­to com­mis­sa­ri all’emergenza pan­de­mi­ca pre­si pri­ma dai mana­ger pub­bli­ci e ora dall’esercito, ma sia­mo sem­pre lì, con un pia­no vac­ci­na­le che cam­bia di gior­no in gior­no, men­tre gli altri Pae­si euro­pei, nel bene o nel male, con gli stes­si nostri pro­ble­mi di approv­vi­gio­na­men­to (e qui biso­gne­reb­be apri­re una paren­te­si sul­le caren­ze diri­gen­zia­li dell’Unione Euro­pea) han­no alme­no una stra­te­gia defi­ni­ta e a lun­go termine.

Per­si­no il Comi­ta­to Tec­ni­co Scien­ti­fi­co per l’emergenza, il noto CTS, orga­no giu­sti­fi­ca­ti­vo sen­za pos­si­bi­li­tà di cri­ti­ca (altri­men­ti sei di destra come Sal­vi­ni) di tut­te le deci­sio­ni poli­ti­che pre­se da più di un anno a que­sta par­te, è sta­to costi­tui­to due vol­te, ma sem­pre con cri­te­ri “distri­bu­to­ri” lega­ti più al ver­ti­ci­smo diri­gen­zia­le o cat­te­dra­ti­co che alle rea­li com­pe­ten­ze tec­ni­che di cui c’era, e c’è, bisogno.

Le per­so­ne di valo­re e com­pe­ten­ti in real­tà ci sono (esse vivo­no!) ma sono mar­gi­na­liz­za­te ed esclu­se da un siste­ma che si autoa­li­men­ta e si pro­po­ne come pri­vo di alter­na­ti­ve e che per­ciò è auto­ma­ti­ca­men­te “buo­no”, anche gra­zie alla recen­te e opi­na­bi­le deci­sio­ne del­la Cor­te Costi­tu­zio­na­le che ha rite­nu­to legit­ti­mo un siste­ma elet­to­ra­le che richie­de a un par­ti­to non pre­sen­te con il pro­prio sim­bo­lo in par­la­men­to di rac­co­glie­re un nume­ro così ele­va­to di fir­me (in modo car­ta­ceo e buro­cra­ti­co ovvia­men­te, sia mai che si usi la tec­no­lo­gia quan­do sareb­be uti­le) che è qua­si impos­si­bi­le riu­scir­ci (secon­do alcu­ni sono neces­sa­rie più fir­me per pre­sen­tar­si che voti per otte­ne­re seggi).

Que­sto siste­ma va, demo­cra­ti­ca­men­te, con l’azione poli­ti­ca, scardinato.
Dob­bia­mo scar­di­nar­lo anche per­ché sia­mo gli uni­ci che si stan­no met­ten­do di tra­ver­so, gli uni­ci ai qua­li impor­ta que­sto mal­fun­zio­na­men­to gene­ra­le, quan­do è mol­to più faci­le con­te­star­lo a paro­le ma poi, quan­do arri­va il momen­to, infi­lar­si nel­la cor­ren­te del­la super coa­li­zio­ne per con­tra­sta­re il Sal­vi­ni del­la situa­zio­ne (con cui attual­men­te tut­ti gover­na­no) e così strap­pa­re uno stra­pun­ti­no per dichia­ra­re che in que­sto modo si cam­bia­no le cose.
Non è vero, non si cam­bia nien­te, è solo una pia illu­sio­ne nel­la miglio­re del­le ipo­te­si, una scel­ta cini­ca e indi­vi­dua­li­sta nel­la peggiore.

Biso­gna cam­bia­re il siste­ma a mon­te, con­sen­ti­re alle per­so­ne più pre­pa­ra­te di met­ter­si al ser­vi­zio del Pae­se ed adem­pie­re alle fun­zio­ni pub­bli­che “con disci­pli­na e ono­re” (art. 54 Costi­tu­zio­ne), con­sen­ti­re a chi lo voglia di “con­cor­re­re con meto­do demo­cra­ti­co a deter­mi­na­re la poli­ti­ca nazio­na­le” (art. 49 Costi­tu­zio­ne), con­sen­ti­re a “Tut­ti i cit­ta­di­ni del­l’u­no o del­l’al­tro ses­so” di poter “acce­de­re agli uffi­ci pub­bli­ci e alle cari­che elet­ti­ve in con­di­zio­ni di egua­glian­za, secon­do i requi­si­ti sta­bi­li­ti dal­la leg­ge” (art. 51 Costituzione).

Que­sto oggi non suc­ce­de, ma dob­bia­mo ren­der­lo possibile.

Per que­sto rac­co­glia­mo fir­me per pre­sen­tar­ci con il nostro sim­bo­lo alle ele­zio­ni, indi­pen­den­te­men­te da quan­te ce ne chie­de­ran­no, per que­sto rac­co­glia­mo iscri­zio­ni per met­te­re in cam­po idee, com­pe­ten­ze e per­so­ne, per que­sto chie­dia­mo di dar­ci una mano con il 2X1000 nel­la dichia­ra­zio­ne dei red­di­ti (scri­ven­do S36).

Per­ché, alla fine, ce lo chie­de pro­prio la Costituzione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.