Il comitato per il Sì viola il silenzio elettorale: intervenga il Ministero dell’Interno

All'interno di uno dei più utilizzati social media (Twitter), l'hashtag #RiformaCostituzionale risulta "Sponsorizzato da Basta un Sì". Questo ci pare violare il divieto, previsto dall'art. 9 della citata legge secondo cui nel giorno precedente e in quelli stabiliti per le elezioni sono vietati i comizi e le riunioni di propaganda elettorale diretta o indiretta, in luoghi pubblici o aperti al pubblici e la nuova affissione di stampati, giornali murali o altri e manifesti di propaganda.

Pos­si­bi­le inten­de espri­me­re tut­ta la pro­pria indi­gna­zio­ne per la pale­se vio­la­zio­ne del “silen­zio elet­to­ra­le”, disci­pli­na­to dal­la leg­ge n. 212 del 1956 e suc­ces­si­ve modi­fi­ca­zio­ni e inte­gra­zio­ni, da par­te del Comi­ta­to a soste­gno del­la rifor­ma costi­tu­zio­na­le “Basta un sì”.

Infat­ti, all’in­ter­no di uno dei più uti­liz­za­ti social media (Twit­ter), l’ha­sh­tag #Rifor­ma­Co­sti­tu­zio­na­le risul­ta “Spon­so­riz­za­to da Basta un Sì”. Que­sto ci pare vio­la­re il divie­to, pre­vi­sto dal­l’art. 9 del­la cita­ta leg­ge secon­do cui nel gior­no pre­ce­den­te e in quel­li sta­bi­li­ti per le ele­zio­ni sono vie­ta­ti i comi­zi e le riu­nio­ni di pro­pa­gan­da elet­to­ra­le diret­ta o indi­ret­ta, in luo­ghi pub­bli­ci o aper­ti al pub­bli­ci e la nuo­va affis­sio­ne di stam­pa­ti, gior­na­li mura­li o altri e mani­fe­sti di propaganda.

Rite­nia­mo di richia­ma­re sul pun­to l’at­ten­zio­ne del Mini­ste­ro del­l’In­ter­no che deve vigi­la­re sul cor­ret­to svol­gi­men­to del­le vota­zio­ni e del­l’Au­to­ri­tà per le garan­zie nel­le comu­ni­ca­zio­ni, da cui si aspet­ta­no imme­dia­ti inter­ven­ti a carat­te­re ini­bi­to­rio, fer­ma restan­do la valu­ta­zio­ne, da par­te del nostro movi­men­to, di pre­sen­ta­re for­ma­le espo­sto.

Noi abbia­mo rispet­ta­to il silen­zio elet­to­ra­le, dopo una cam­pa­gna fin trop­po rumo­ro­sa. Per rispet­to del­le rego­le e degli elet­to­ri. Non tut­ti han­no fat­to lo stes­so. I cit­ta­di­ni dimo­stre­ran­no di non apprez­za­re simi­li comportamenti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.