Difesa, Civati-Marcon: Missione in Niger miope e disumana

“La mini­stra Pinot­ti, oggi su Repub­bli­ca, con­fer­ma l’imminenza di un decre­to leg­ge per auto­riz­za­re una mis­sio­ne mili­ta­re in Niger, mol­to con­si­sten­te per nume­ro e per fina­li­tà ope­ra­ti­ve. È gra­vis­si­mo che il Par­la­men­to sap­pia dell’esistenza di que­sta futu­ra mis­sio­ne da anti­ci­pa­zio­ni gior­na­li­sti­che e che la mini­stra pri­ma di veni­re in Par­la­men­to a infor­ma­re le came­re scel­ga di far­si inter­vi­sta­re da un quo­ti­dia­no per par­lar­ne all’opinione pub­bli­ca”. Lo dichia­ra­no il capo­grup­po alla Came­ra di Sini­stra Ita­lia­na-Pos­si­bi­le, Giu­lio Mar­con, e il segre­ta­rio di Pos­si­bi­le, Giu­sep­pe Civa­ti, espo­nen­ti di Libe­ri e Ugua­li, com­men­tan­do le paro­le del­la mini­stra Pinotti.

“È l’ennesimo sfre­gio — aggiun­go­no i due depu­ta­ti — del gover­no e dei suoi mini­stri con­tro il Par­la­men­to, pro­prio su un tema di una deli­ca­tez­za estre­ma, quel­lo di una mis­sio­ne mili­ta­re così deli­ca­ta e peri­co­lo­sa. Non capia­mo come potrà esse­re con­ver­ti­to in leg­ge un decre­to a came­re sciol­te, se non con un dik­tat, costrin­gen­do il par­la­men­to solo a rati­fi­ca­re, sen­za discu­te­re e appro­fon­di­re una scel­ta così deli­ca­ta. Si trat­ta di una mis­sio­ne che ha tra i suoi prin­ci­pa­li obiet­ti­vi il bloc­co mili­ta­re dei flus­si di rifu­gia­ti e migran­ti ver­so il medi­ter­ra­neo: una scel­ta mio­pe e disu­ma­na di fron­te ad un dram­ma epo­ca­le che avreb­be biso­gno di poli­ti­che e soli­da­rie­tà e non di car­ri armati”.

“Infi­ne — con­clu­do­no Civa­ti e Mar­con — la Pinot­ti dice che nel­la scor­sa cam­pa­gna elet­to­ra­le c’è sta­to ‘acca­ni­men­to’ a destra e a sini­stra con­tro gli F35. Ma la destra in que­sta legi­sla­tu­ra ha sem­pre vota­to a favo­re degli F35 e la mini­stra si è sem­pre tro­va­ta in buo­na com­pa­gnia del­la Lega e di For­za Ita­lia. L’ac­ca­ni­men­to’ vero è quel­lo con­tro i cit­ta­di­ni, costret­ti a subi­re una spe­sa di miliar­di e miliar­di per un inu­ti­le cac­cia­bom­bar­die­re men­tre in que­ste ore, men­tre si discu­te la leg­ge di bilan­cio, si nega­no le risor­se per sta­bi­liz­za­re i lavo­ra­to­ri pre­ca­ri del Cnr e per abo­li­re il superticket”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.