I percorsi possibili di Milano

Mar­te­dì sera alla Came­ra del Lavo­ro di Mila­no, pres­so una Sala di Vit­to­rio gre­mi­ta (400 posti a sede­re tut­ti occu­pa­ti, più gen­te in pie­di), si è svol­ta l’as­sem­blea “Voci per una Mila­no in Comu­ne”. Un’i­ni­zia­ti­va che si pro­po­ne di costrui­re insie­me un cam­po lar­go, uno spa­zio pub­bli­co, che pos­sa com­por­re quel­la “Mila­no in Comu­ne” che, par­ten­do dal­le sto­rie diver­se, pro­vi a pro­dur­re nel­la cit­tà una nuo­va e diver­sa pro­po­sta politica.

Non è sta­ta un’iniziativa di par­ti­to, o di alcu­ni par­ti­ti, ma sicu­ra­men­te è una pro­po­sta di par­te, nata dal­l’im­pe­gno di sin­go­li cit­ta­di­ni che ade­ri­sco­no ad alcu­ne orga­niz­za­zio­ni poli­ti­che, come chi vi scri­ve, e gra­zie al con­tri­bu­to di libe­ri cit­ta­di­ni carat­te­riz­za­ti da tan­to impe­gno e voglia di fare.

L’ap­pel­lo, sot­to­scrit­to da più di 300 cit­ta­di­ne e cit­ta­di­ni, invi­ta tut­te le orga­niz­za­zio­ni che si rico­no­sco­no nel­la sini­stra socia­le e poli­ti­ca che ope­ra nel ter­ri­to­rio mila­ne­se a intra­pren­de­re un per­cor­so di dia­lo­go, incon­tro, con­fron­to ed ela­bo­ra­zio­ne di una pro­po­sta poli­ti­ca per il futu­ro di Milano.

Un po’ assem­blea di con­do­mi­nio (ma non ris­so­so), un po’ “are­na di denun­cia” per quei delu­si da una sta­gio­ne che non ha rispet­ta­to tut­te le pro­mes­se, la sera­ta ha pro­po­sto un per­cor­so diver­so anche con un velo­ce dibat­ti­to alla pre­sen­za di Pao­lo Fer­re­ro e Mar­co Revel­li. Pip­po Civa­ti, anche lui invi­ta­to, è rima­sto bloc­ca­to a Roma dal voto per l’elezione dei giu­di­ci del­la Cor­te Costi­tu­zio­na­le, ma ha invia­to un con­tri­bu­to video, che pote­te vede­re qui.

Si è par­ti­ti lan­cian­do degli appro­fon­di­men­ti su alcu­ni temi: il pro­ble­ma del­la casadel­l’am­mi­ni­stra­zio­ne del ter­ri­to­rio (dal dopoex­po alla gover­nan­ce del­la cit­tà metro­po­li­ta­na e del­le nuo­ve muni­ci­pa­li­tà), del­l’in­clu­sio­ne socia­le, aspet­ti che riguar­da­no le sfi­de imme­dia­te di Mila­no, ma anche la quo­ti­dia­ni­tà del­le per­so­ne, gli ele­men­ti che inci­do­no sul­la qua­li­tà del­la vita, per­ché appro­fon­di­re i con­te­nu­ti, cono­sce­re le situa­zio­ni è il meto­do più faci­le per favo­ri­re un pro­ces­so di aggre­ga­zio­ne, di costru­zio­ne di una pro­po­sta poli­ti­ca e di consenso.

Si è pro­po­sto di anda­re nei quar­tie­ri in ognu­na del­le 9 futu­re muni­ci­pa­li­tà, favo­ren­do momen­ti di dibat­ti­to e appro­fon­di­men­to dei temi su cui imma­gi­na­re un pro­gram­ma per la cit­tà, anche gra­zie al con­tri­bu­to di un que­stio­na­rio di appro­fon­di­men­to e di sug­ge­ri­men­to,  per ritro­va­re un dia­lo­go con le per­so­ne che tan­te vol­te le for­ze poli­ti­che si pro­pon­go­no di rap­pre­sen­ta­re sen­za cono­scer­ne le rea­li esigenze.
E chia­ro che lo sce­na­rio è defi­ni­to, non si trat­ta di una pro­po­sta che vuo­le anda­re nel­le zone per chie­de­re il pro­gram­ma su misu­ra, non è la poli­ti­ca del fai da te, oppor­tu­ni­sta e camaleontica.

Infat­ti, non si ha timo­re di par­la­re di una sta­gio­ne poli­ti­ca (non solo) cit­ta­di­na con­clu­sa, a cau­sa dell’emergere di una diver­sa pro­po­sta poli­ti­ca in fuga ver­so il cen­tro, risuc­chia­ta nel cam­po gra­vi­ta­zio­na­le del par­ti­to del­la nazio­ne.  Il cen­tro­si­ni­stra è — per chi pro­po­ne l’i­ni­zia­ti­va — una sta­gio­ne supe­ra­ta e non si ritie­ne pos­si­bi­le ripe­te­re nel 2016 sce­na­ri pas­sa­ti in nome del­la nostalgia.

Il “model­lo Mila­no” nato nel 2011 è sta­to carat­te­riz­za­to da un per­cor­so civi­co di con­di­vi­sio­ne e par­te­ci­pa­zio­ne, un pro­gram­ma nato gior­no dopo gior­no, un con­sen­so cre­sciu­to nel­le stra­de, non nei talk show main­stream, ed è quel­lo che si vuo­le pro­por­re con que­sta iniziativa.

Non c’è una rot­tu­ra vio­len­ta con que­sti cin­que anni, ma nem­me­no una devo­ta e cie­ca con­ti­nui­tà basa­ta sul­la nostal­gia, sul ‘come eravamo’.

Si vuo­le costrui­re una “Mila­no in Comu­ne” tra la gen­te, inter­ro­gan­do­si su cosa ha fun­zio­na­to e cosa no, cosa ripre­sen­ta­re o qua­le cam­bia­men­to adot­ta­re, per poi ripe­te­re un incon­tro nel mese di gen­na­io in un nuo­vo momen­to col­let­ti­vo per sin­te­tiz­za­re così le pos­si­bi­li­tà di un per­cor­so comu­ne con chi c’e­ra l’altra sera, con altri che han deci­so di non esser­ci — spe­ria­mo solo per ora — e con altri nuo­vi pos­si­bi­li com­pa­gni di viag­gio impe­gna­ti anche in altri per­cor­si com­ple­men­ta­ri e affi­ni e che guar­da­no al mon­do ambien­ta­li­sta, lai­co, liber­ta­rio, radi­ca­le e socialista.

Per par­la­re così di scel­te, oppor­tu­ni­tà e vin­co­li che pro­du­ca­no una alter­na­ti­va e una pro­po­sta orga­niz­za­ta per la cit­tà, con la volon­tà di costrui­re il fron­te del­l’al­ter­na­ti­va, una Mila­no plurale.

Per­ché il model­lo Mila­no è un per­cor­so che ha aggre­ga­to la sini­stra e il civi­smo demo­cra­ti­co, e la con­ti­nui­tà sta nel meto­do di aggre­ga­zio­ne e di rispet­to tra pari, non nell’eredità dina­sti­ca sta­bi­li­ta nei salot­ti di qual­cu­no, né nel par­ti­to di Expo, ver­sio­ne mene­ghi­na del par­ti­to del­la nazione.

Tizia­na Bal­di­ni e Mar­co Mori

Clic­ca qui per anda­re alla pagi­na fb Voci per una Mila­no in Comune.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.