Il mio impegno per la Sardegna, parla la consigliera Orrù

Maria Lau­ra Orrù è la con­si­glie­ra regio­na­le in Sar­de­gna di Pos­si­bi­le, elet­ta con la lista Sar­de­gna in Comu­ne, gra­zie a un pie­no di pre­fe­ren­ze arri­va­to al ter­mi­ne di una cam­pa­gna sud­di­vi­sa tra ter­ri­to­rio e comu­ni­ca­zio­ne social. Un per­fet­to con­nu­bio. In que­sta inter­vi­sta ci rac­con­ta la sua espe­rien­za e le sue battaglie.

Il suo impe­gno sul ter­ri­to­rio e quel­lo suc­ces­si­vo in cam­pa­gna elet­to­ra­le è sta­to pre­mia­to con l’e­le­zio­ne.  Qua­li sono le prio­ri­tà che vuo­le dar­si duran­te il suo man­da­to?La mia can­di­da­tu­ra alle regio­na­li arri­va dopo un per­cor­so poli­ti­co-ammi­ni­stra­ti­vo loca­le. Sono con­si­glie­ra nel mio pic­co­lo comu­ne  da diver­so tem­po. Nel 2016 mi can­di­dai a Sin­da­co di Elmas in una lista civi­ca nata da un per­cor­so par­te­ci­pa­to atti­va­to con i cit­ta­di­ni. Ho deci­so di can­di­dar­mi al con­si­glio regio­na­le per­ché  ho sen­ti­to for­te la neces­si­tà di soste­ne­re Mas­si­mo Zed­da e il nostro pro­get­to di Sar­de­gna inol­tre per­ché è fon­da­men­ta­le con­tri­bui­re atti­va­men­te per poter cer­ca­re di argi­na­re il for­te ven­to di destra che sof­fia nel nostro Pae­se. Come ho espres­so in cam­pa­gna elet­to­ra­le, sarà neces­sa­rio occu­par­si di tut­te le que­stio­ni di com­pe­ten­za del Con­si­glio Regio­na­le ma ho pre­so alcu­ni impe­gni pre­ci­si su alcu­ni temi a me più vici­ni: urba­ni­sti­ca e ambien­te, sport, tra­spor­ti, pari oppor­tu­ni­tà. Tut­ti gli inter­ven­ti devo­no esse­re col­le­ga­ti fra loro in una visio­ne più ampia di svi­lup­po. Per que­sto non pos­sia­mo tra­la­scia­re il set­to­re agro-pasto­ra­le, il turi­smo, la cul­tu­ra, il tema del­lo spo­po­la­men­to dei cen­tri inter­ni del­l’i­so­la tut­to in una visio­ne uni­ta­ria di Sar­de­gna. L’i­so­la esse­re ripen­sa­te in ter­mi­ni di svi­lup­po inno­va­ti­vo e di qua­li­tà, capa­ce di por­ta­re nuo­va occu­pa­zio­ne nel rispet­to del­l’am­bien­te, filo con­dut­to­re di tut­te le poli­ti­che regionali.

E qua­le sarà la pri­ma bat­ta­glia, il pri­mo pas­so che inten­de fare nel con­si­glio regionale?
In que­sto momen­to non pos­so clas­si­fi­ca­re le bat­ta­glie secon­do un ordi­ne pre­ci­so ma nel ruo­lo di con­si­glie­ra regio­na­le di oppo­si­zio­ne sarò e sare­mo vigi­li su tut­te le que­stio­ni. Cer­to è che dal­le pri­me affer­ma­zio­ni del neo pre­si­den­te a tra­zio­ne leghi­sta, si leg­ge chia­ra l’in­ten­zio­ne di ripren­de­re a cemen­ti­fi­ca­re le coste e l’agro, dan­do un mes­sag­gio vec­chio e fuo­ri dal tem­po. Per noi svi­lup­po signi­fi­ca tute­la e valo­riz­za­zio­ne del ter­ri­to­rio e dell’ ambien­te, recu­pe­ro, riu­ti­liz­zo con pro­po­ste pre­ci­se e di qua­li­tà; sia­mo pron­ti a dare bat­ta­glia in aula e nel­la socie­tà sar­da, insie­me a noi si mobi­li­te­rà una gros­sa par­te dell’opinione pub­bli­ca e noi voglia­mo dar­le voce. Chie­dia­mo, che da subi­to si discu­ta dell’estensione del Pia­no Pae­sag­gi­sti­co alle aree inter­ne, che si fac­cia una rifles­sio­ne sull’agro e che si sem­pli­fi­chi­no le pro­ce­du­re buro­cra­ti­che che ad oggi fre­na­no i comu­ni nell’adeguare i loro pia­ni urba­ni­sti­ci al PPR. Il PPR, stru­men­to di pia­ni­fi­ca­zio­ne orga­ni­ca e coe­ren­te del ter­ri­to­rio va valo­riz­za­to, non depo­ten­zia­to o svuo­ta­to da Pia­ni Ter­ri­to­ria­li disomogenei.

Gio­va­ne, don­na, pre­pa­ra­ta. Un po’ l’i­den­ti­kit del­la can­di­da­ta idea­le di Pos­si­bi­le. Quan­do è matu­ra­ta dav­ve­ro l’i­dea del­la candidatura? 
Per­so­nal­men­te, nono­stan­te il mio costan­te impe­gno poli­ti­co come atti­vi­sta e come ammi­ni­stra­tri­ce del mio pae­se, ero mol­to con­cen­tra­ta sul mio lavo­ro e non sta­vo pen­san­do di can­di­dar­mi nono­stan­te diver­se per­so­ne me lo stes­se­ro chie­den­do. Quan­do poi si è pro­spet­ta­ta l’i­dea di Sar­de­gna che vede­va Zed­da can­di­da­to pre­si­den­te, ho rice­vu­to una pro­po­sta dal grup­po e Tho­mas Castan­gia, che voi cono­sce­te bene, mi ha deli­nea­to uno sce­na­rio inte­res­san­te all’ inter­no di una lista civi­ca che abbrac­cia­va le nostre idee, con com­pa­gni e com­pa­gne di lista dal pro­fi­lo giu­sto per­ché appar­te­nen­ti a per­cor­si civi­ci ammi­ni­stra­ti­vi e per­so­ne che da sem­pre han­no soste­nu­to le nostre bat­ta­glie poli­ti­che sui dirit­ti, sul lavo­ro, sull’ ambien­te, sul­le pari oppor­tu­ni­tà etc. Ho pre­so qual­che gior­no per pen­sar­ci e sen­ti­re le per­so­ne che mi han­no sem­pre soste­nu­ta. Que­ste mi han­no incen­ti­va­to, così ho accet­ta­to. La can­di­da­tu­ra rap­pre­sen­ta­va le istan­ze di un grup­po, da qui il mot­to “Ci Sia­mo” che ci ha accom­pa­gna­to in que­sto percorso.

A tal pro­po­si­to una curio­si­tà: da quan­to tem­po mili­ta in Possibile?
Nel novem­bre del 2015 deci­si di non rin­no­va­re la tes­se­ra del PD, par­ti­to in cui mili­ta­vo ma nel qua­le non riu­sci­vo più a rico­no­scer­mi. Ho par­te­ci­pa­to a diver­si Poli­ti­camp e ho sem­pre sen­ti­to quel­la la mia comu­ni­tà poli­ti­ca ma lascia­re un par­ti­to gran­de e strut­tu­ra­to nel qua­le abbia­mo fat­to diver­se bat­ta­glie a livel­lo loca­le e nazio­na­le per pro­va­re a cam­biar­lo, non è sta­to semplice.Quando è nato Pos­si­bi­le l’ho sem­pre guar­da­to con inte­res­se, nel 2016 dopo l’e­spe­rien­za del­la cam­pa­gna elet­to­ra­le dove ero can­di­da­ta, in una lista civi­ca, a Sin­da­co di Elmas (il mio pae­se) ave­vo biso­gno di un luo­go dove poter­mi con­fron­ta­re, dia­lo­ga­re ed eser­ci­ta­re la mia atti­vi­tà poli­ti­ca; così ho deci­so di iscri­ver­mi nel par­ti­to che più mi rap­pre­sen­ta­va, Possibile.

Al di là di alcu­ni esem­pi posi­ti­vi, in poli­ti­ca come nel­la socie­tà, esi­ste una evi­den­te que­stio­ne fem­mi­ni­le. L’ha riscon­tra­ta in que­sti mesi in manie­ra diret­ta duran­te la sua atti­vi­tà poli­ti­ca e in cam­pa­gna elettorale?
Esi­ste anco­ra nel­la nostra socie­tà la dise­gua­glian­za tra uomo e don­na, nei ruo­li come nel­le retri­bu­zio­ni. È una dise­gua­glian­za che è anzi­tut­to cul­tu­ra­le. In que­sta tor­na­ta elet­to­ra­le, per la pri­ma vol­ta alle regio­na­li, si è vota­to con la dop­pia pre­fe­ren­za di gene­re. Nel­la nostra lista civi­ca, Sar­de­gna in Comu­ne, diver­si can­di­da­ti e can­di­da­te han­no scel­to di non uti­liz­za­re la for­mu­la del “tic­ket”. Ho sem­pre pen­sa­to che per noi don­ne que­sto mec­ca­ni­smo elet­to­ra­le del­la dop­pia pre­fe­ren­za può non esse­re neces­sa­ria­men­te un van­tag­gio; anche in que­sta cam­pa­gna elet­to­ra­le abbia­mo visto diver­se can­di­da­te uti­liz­za­te al solo fine di eleg­ge­re il can­di­da­to uomo; per que­sto moti­vo io ho deci­so di chie­de­re il con­sen­so su di me e sul­le pro­po­ste su cui ho pre­so un impe­gno, lascian­do le per­so­ne libe­re di sce­glie­re se espri­me­re l’altra pre­fe­ren­za o meno.

Sul pia­no nazio­na­le come è pos­si­bi­le affron­ta­re la dispa­ri­tà di genere?
Non so se la dispa­ri­tà di gene­re pos­sa e deb­ba esse­re affron­ta­ta in manie­ra distin­ta sul pia­no nazio­na­le o loca­le. Si deve vin­ce­re una bat­ta­glia cul­tu­ra­le e non la vin­ce­re­mo con la con­trap­po­si­zio­ne, per­ché la que­stio­ne pari­tà  è anche maschi­le. Per vin­cer­la occor­re che don­ne e uomi­ni lavo­ri­no assie­me, nel­la socie­tà e nel­le isti­tu­zio­ni e lavo­ri­no a poli­ti­che che, dal­la scuo­la al mon­do del lavo­ro, ci por­ti­no ad accet­ta­re le dif­fe­ren­ze e al con­tem­po a garan­ti­re pari oppor­tu­ni­tà. In una socie­tà fon­da­ta su que­sti due pila­stri le don­ne saran­no pro­ta­go­ni­ste, non ho dubbi.

Pas­sia­mo all’a­spet­to poli­ti­co: l’e­spe­rien­za por­ta­ta avan­ti in Sar­de­gna cosa può insegnare?
Anche in Sar­de­gna il ven­to di destra si è sen­ti­to for­te. A pre­scin­de­re dal risul­ta­to fina­le che pur­trop­po non ha visto Mas­si­mo Zed­da vin­ci­to­re di que­sta tor­na­ta elet­to­ra­le, una cosa è  risul­ta­ta chia­ra, gli elet­to­ri chie­do­no azio­ni con­cre­te per ritro­va­re una for­ma di dia­lo­go e con­fron­to tra le par­ti in manie­ra tale da poter soste­ne­re can­di­da­ti nuo­vi con idee fre­sche e inno­va­ti­ve. Come Pos­si­bi­le, in Sar­de­gna, abbia­mo fat­to una scel­ta pre­ci­sa, abbia­mo costrui­to un pro­get­to civi­co “Sar­de­gna in Comu­ne” a soste­gno del pro­get­to di cen­tro­si­ni­stra gui­da­to da Mas­si­mo Zed­da. La lista era com­po­sta da per­so­ne che come noi ave­va­no una mili­tan­za in pro­get­ti nazio­na­li ma anche da tan­tis­si­mi can­di­da­ti e can­di­da­te che pur non rico­no­scen­do­si in un par­ti­to veni­va­no da espe­rien­ze loca­li di impe­gno ammi­ni­stra­ti­vo, sin­da­ca­le, del ter­zo set­to­re, per­so­ne che ave­va­no fat­to bat­ta­glie sul­l’am­bien­te i dirit­ti e l’u­gua­glian­za da noi sem­pre con­di­vi­se e sup­por­ta­te. Abbia­mo otte­nu­to un otti­mo risul­ta­to e sia­mo riu­sci­ti ad eleg­ge­re una don­na, una del­le poche elet­te in con­si­glio regionale.
Sono con­vin­ta che sia neces­sa­rio apri­re una seria rifles­sio­ne su un model­lo di sini­stra plu­ra­le che si rispet­ti e che dia voce a tut­ti per poter rico­strui­re pez­zo per pez­zo un’i­dea di Pae­se capa­ce di dare rispo­ste con­cre­te e con­vin­cen­ti alle tan­te aspet­ta­ti­ve di tan­te per­so­ne. È neces­sa­rio inol­tre lavo­ra­re tan­to sui ter­ri­to­ri, sia quel­li più inter­ni che nel­le peri­fe­rie del­le cit­tà, que­sto per riav­vi­ci­nar­ci e ritro­va­re un con­tat­to con­cre­to con le per­so­ne col­man­do il vuo­to per­ce­pi­to dai cittadini.

La lista Sar­de­gna in Comu­ne, con cui è sta­ta elet­ta, ha otte­nu­to un buon risul­ta­to. Tut­ta­via, le ele­zio­ni sono sta­te vin­te net­ta­men­te dal cen­tro­de­stra. Qua­li sono le pro­spet­ti­ve per la Regio­ne nei pros­si­mi anni?
Il neo elet­to pre­si­den­te Soli­nas non è sta­to chia­ro sul­le poli­ti­che che vuo­le por­ta­re avan­ti per la Sar­de­gna, anche per­ché si è fat­to sosti­tui­re dai vari lea­der nazio­na­li duran­te tut­ta la cam­pa­gna elet­to­ra­le. Non cono­sco la sua idea di Sar­de­gna, ma noi tut­ti auspi­chia­mo che non gesti­sca l’isola come ha gesti­to l’Assessorato ai tra­spor­ti, quan­do fu asses­so­re del­la giun­ta Capel­lac­ci; ricor­dia­mo infat­ti il fal­li­men­to del­la flot­ta sar­da e i tan­tis­si­mi sol­di pub­bli­ci sper­pe­ra­ti. Il nostro ruo­lo in con­si­glio regio­na­le sarà all’opposizione e sare­mo vigi­li su tut­te le questioni.

E in par­ti­co­la­re su quali?
La nostra iso­la ha un poten­zia­le ine­spres­so. Per sta­re su alcu­ne que­stio­ni spe­ci­fi­che, noi sap­pia­mo che è neces­sa­rio fin da subi­to rive­de­re la mac­chi­na ammi­ni­stra­ti­va regio­na­le per rispon­de­re in tem­pi bre­vi e cer­ti alle esi­gen­ze dei cit­ta­di­ni. Urba­ni­sti­ca, tra­spor­ti, set­to­re agro-pasto­ra­le, turi­smo, sport, cul­tu­ra  come ho det­to pri­ma sono tut­te tema­ti­che che devo­no esse­re ripen­sa­te in ter­mi­ni di svi­lup­po inno­va­ti­vo e di qua­li­tà, capa­ce di por­ta­re nuo­va occu­pa­zio­ne nel rispet­to dell’ambiente. Inol­tre dob­bia­mo far­ci tro­va­re pron­ti per­ché nel­la nuo­va pro­gram­ma­zio­ne euro­pea 2021–2027 la Sar­de­gna tor­ne­rà in obiet­ti­vo 1 (Regio­ni euro­pee poco svi­lup­pa­te) que­sto con­sen­ti­rà all’ iso­la di rice­ve­re mol­te più risor­se dall’Europa. Dob­bia­mo far­ci tro­va­re pron­ti, ser­vi­ran­no com­pe­ten­ze sia nel­la mac­chi­na regio­na­le che nei comu­ni per uti­liz­za­re al meglio i fon­di euro­pei e crea­re attra­ver­so pro­get­ti spe­ci­fi­ci nuo­ve oppor­tu­ni­tà, in par­ti­co­la­re per i gio­va­ni, che con­sen­ta­no alla Sar­de­gna di per­cor­re­re nuo­ve stra­de per lo svi­lup­po. Sono cer­ta che se la nostra ter­ra saprà sfrut­ta­re al meglio Il suo poten­zia­le potreb­be dav­ve­ro diven­ta­re una fra le real­tà più fio­ren­ti d’ Italia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.