Internazionale e possibile

È cer­ta­men­te una buo­na noti­zia quel­la del­la nasci­ta di un fron­te inter­na­zio­na­le in gra­do di discu­te­re, scam­biar­si infor­ma­zio­ni e, si spe­ra, col tem­po ritro­var­si su una comu­ne agen­da pro­gres­si­sta. È la rispo­sta ade­gua­ta all’a­van­za­re dei nazio­na­li­sti, per­ché non pò che esser­ne il suo con­tra­rio: aper­to, comu­ne, trans­na­zio­na­le e quin­di gene­ri­ca­men­te uma­no. Non avve­ni­va da trop­po tem­po, nem­me­no come mero ten­ta­ti­vo, e segue trop­pi anni in cui la poli­ti­ca anche da sini­stra si è pie­ga­ta al pre­cet­to secon­do cui “the­re is no alter­na­ti­ve”, e non ci si può che pie­ga­re di fron­te alle esi­gen­ze dei gran­di grup­pi eco­no­mi­ci — non a caso sovra­na­zio­na­li in ogni senso.

Non è que­sta una fase in cui si può pen­sa­re al pro­prio Pae­se come una ridot­ta in cui rea­liz­za­re un sovra­ni­smo del buon tem­po anti­co — in real­tà mai esi­sti­to — non quan­do qua­lun­que atto­re eco­no­mi­co ha ormai a dispo­si­zio­ne gli stru­men­ti per spo­sta­re in nazio­ni più accon­di­scen­den­ti i mez­zi pro­dut­ti­vi e le sedi fisca­li. Per que­sto ser­ve un’al­lean­za, per que­sto ser­ve un’a­gen­da comu­ne, e bene han­no fat­to in par­ti­co­la­re Ada Colau e Ber­nie San­ders a sfrut­ta­re la loro rico­no­sciu­ta auto­re­vo­lez­za per guar­da­re oltre la loro sem­pli­ce base elet­to­ra­le loca­le, ten­tan­do di costrui­re un pon­te mol­to più ambizioso.
Pos­si­bi­le lo ha auspi­ca­to sin dal­la sua fon­da­zio­ne, ricor­dan­do nel­l’or­mai ste­reo­ti­pa­to dibat­ti­to sul ruo­lo del­le isti­tu­zio­ni euro­pee, ad esem­pio, che di cer­to in que­sti ulti­mi ven­t’an­ni non sono sta­te gover­na­te da sini­stra, ovve­ro non han­no mai dav­ve­ro spe­ri­men­ta­to ricet­te real­men­te alter­na­ti­ve o soli­da­li, di quel­la soli­da­rie­tà di cui par­la­va­no Spi­nel­li e Lan­ger oggi così spes­so cita­ti a spro­po­si­to, ma soprat­tut­to non praticati.
Un gover­ni­smo con­for­mi­sta pie­ga­to ai gran­di inte­res­si che col tem­po ha fini­to per man­giar­si anche il socia­li­smo euro­peo, e che si è fat­to inter­pre­te di uno svi­lup­pi­smo che ha fat­to a gara con i con­ser­va­to­ri per tute­la­re le impre­se accan­to­nan­do i dirit­ti dei lavo­ra­to­ri, che ha rinun­cia­to a pre­ten­de­re una fisca­li­tà giu­sta che non pesas­se solo sui sin­go­li cit­ta­di­ni, che ha spo­sa­to le gran­di ope­re sen­za se e sen­za ma e ha com­ple­ta­men­te tra­scu­ra­to il gran­de tema ambien­ta­le, che inve­ce sareb­be quel­lo sì, di gran­de impat­to nel­l’e­co­no­mia e nel­lo svi­lup­po. Che ha asse­con­da­to l’i­dea di una sani­tà e una scuo­la pri­va­te miglio­ri di quel­le pub­bli­che, e che ha tol­to in gene­ra­le i ser­vi­zi ai cit­ta­di­ni dal­le mani del­lo Sta­to per tra­sfor­ma­re que­gli stes­si cit­ta­di­ni in uten­ti di for­ni­to­ri pri­va­ti, nel­l’i­ni­zia­le plau­so gene­ra­le, sal­vo poi sco­pri­re che come risul­ta­to han­no pro­dot­to una socie­tà in cui chi può si cura meglio e stu­dia, e gli altri auguri.
Il rifiu­to di man­te­ner­si coe­ren­ti con le pro­prie agen­de di sini­stra in nome di que­sto par­ti­co­la­re rea­li­smo non pote­va che pro­dur­re una marea mon­tan­te e faci­le pre­da del­le destre, quel­le vere, quel­le che sal­go­no alla ribal­ta da sem­pre sul­l’on­da di un con­sen­so dal bas­so, ma in real­tà han­no come solo inte­res­se il van­tag­gio di pochis­si­mi a disca­pi­to di tut­ti gli altri.

Se son rose fio­ri­ran­no — e la rosa era anche un sim­bo­lo di mol­te di que­ste cose, non a caso — di cer­to l’im­pre­sa è imma­ne e il tem­po limi­ta­to. Da par­te nostra la mas­si­ma atten­zio­ne e, come si suol dire, sem­pre dal­la stes­sa par­te ci tro­ve­re­te, del resto ci sia­mo già.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.