Iraq, Brignone-Civati: Governo silenzioso, chiarire su missione italiana

“Da gior­ni la situa­zio­ne tra Iran e Sta­ti Uni­ti si sta dete­rio­ran­do e il gover­no ita­lia­no con­ti­nua a esse­re trop­po silen­zio­so. Qua­si un assen­te ingiu­sti­fi­ca­to, cau­sa ecces­so di pru­den­za. L’impegno deve inve­ce esse­re deci­so per gui­da­re un pro­ces­so che evi­ti ulte­rio­ri esca­la­tion. E non biso­gna ave­re alcu­na timi­dez­za ver­so l’alleato sta­tu­ni­ten­se: la stra­te­gia di Trump si sta rive­lan­do in tut­ta la sua gra­vi­tà, con una por­ta­ta sto­ri­ca pesan­te, ben­ché pre­ve­di­bi­le dopo il raid di ini­zio anno”.

Lo dichia­ra­no la segre­ta­ria e il fon­da­to­re di Pos­si­bi­le, Bea­tri­ce Bri­gno­ne e Giu­sep­pe Civa­ti, par­lan­do dell’aumento del­le ten­sio­ni tra Iran e Usa.

“Anche sul­la pre­sen­za del con­tin­gen­te ita­lia­no in Iraq – aggiun­go­no Bri­gno­ne e Civa­ti – è neces­sa­rio un chia­ri­men­to del gover­no. Pro­prio nel­le ulti­me ore la base di Erbil, dove si tro­va­no i mili­ta­ri ita­lia­ni, è fini­ta sot­to attac­co. Il mini­stro del­la Dife­sa Gue­ri­ni for­ni­sca ade­gua­te spie­ga­zio­ni e trag­ga le con­se­guen­ze di quan­to sta accadendo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.