La giornata della fame nel mondo, e le nostre responsabilità

38 milioni di persone in più che soffrono la fame. È questo il dato che ci viene restituito da questi giorni di discussione tra i potenti del G7 e la FAO

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1508247282943{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]38 milio­ni di per­so­ne in più che sof­fro­no la fame. È que­sto il dato che ci vie­ne resti­tui­to da que­sti gior­ni di discus­sio­ne tra i poten­ti del G7 e la FAO. Un aumen­to che si pone in con­tro­ten­den­za rispet­to a quan­to rile­va­to nell’ultimo decen­nio, e che por­ta a 815 milio­ni il tota­le del­le per­so­ne sottonutrite.

Di que­sti 815 milio­ni, scri­ve la FAO, 489 vivo­no in pae­si in cui sono in cor­so con­flit­ti, la cui inci­den­za sul­la quo­ta di per­so­ne denu­tri­te aumen­ta se con­si­de­ria­mo sola­men­te i bam­bi­ni. La cat­ti­vis­si­ma noti­zia è che anche i con­flit­ti sono in aumen­to e, tra que­sti, spic­ca­no le guer­re civi­li e le vio­len­ze all’interno del mede­si­mo paese.

«Le vio­len­ze e i con­flit­ti – pro­se­gue la FAO — sono distri­bui­ti in modo irre­go­la­re attra­ver­so i con­ti­nen­ti, con­cen­tra­ti in quat­tro regio­ni: il Vici­no Orien­te e il Nord Afri­ca, l’A­fri­ca set­ten­trio­na­le sub­sa­ha­ria­na, l’A­me­ri­ca cen­tra­le e l’Eu­ro­pa orien­ta­le, in par­ti­co­la­re l’U­crai­na. Mol­ti dei con­flit­ti più pro­lun­ga­ti han­no ora vali­ca­to le fron­tie­re e sono diven­ta­ti di natu­ra regio­na­le: nel Cor­no d’A­fri­ca, nel­la regio­ne dei Gran­di Laghi del­l’A­fri­ca, tra Afgha­ni­stan, India e Paki­stan e dal Came­run, dal Chad e dal­la Nige­ria set­ten­trio­na­le nel Sahel».

Una geo­gra­fia che ora­mai cono­scia­mo benis­si­mo e che ci rac­con­ta di una sovrap­po­si­zio­ne per­fet­ta tra fame, con­flit­ti, migra­zio­ni e cam­bia­men­ti climatici.

«I pro­ble­mi di insi­cu­rez­za acu­ta e di mal­nu­tri­zio­ne ten­do­no ad esse­re ingran­di­ti, lad­do­ve i peri­co­li natu­ra­li come sic­ci­tà e inon­da­zio­ni si mesco­la­no alle con­se­guen­ze dei con­flit­ti». I cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci non minac­cia­no sola­men­te la sicu­rez­za ali­men­ta­re dei ter­ri­to­ri inte­res­sa­ti, ma pos­so­no con­tri­bui­re a un ina­spri­men­to degli scon­tri, pro­lun­gan­do cri­si e fra­gi­li­tà. «In alcu­ni casi, la cau­sa prin­ci­pa­le dei con­flit­ti è la con­cor­ren­za per le risor­se natu­ra­li»: le cor­se ai ter­re­ni e all’acqua «sono sta­te iden­ti­fi­ca­te come un poten­zia­le fat­to­re sca­te­nan­te, poi­ché la per­di­ta di risor­se ter­re­stri e di sus­si­sten­za, il peg­gio­ra­men­to del­le con­di­zio­ni di lavo­ro e il degra­do ambien­ta­le influen­za­no nega­ti­va­men­te e minac­cia­no la vita del­le fami­glie e del­la comu­ni­tà». La FAO sti­ma che «negli ulti­mi 60 anni, il 40 per cen­to del­le guer­re civi­li è da met­te­re in rela­zio­ne alle risor­se natu­ra­li. A par­ti­re dal 2000, cir­ca il 48 per cen­to dei con­flit­ti civi­li si sono veri­fi­ca­ti in Afri­ca, in con­te­sti in cui l’ac­ces­so ai ter­re­ni rura­li è essen­zia­le per il sosten­ta­men­to di mol­ti e dove le que­stio­ni lega­te alla ter­ra han­no svol­to un ruo­lo signi­fi­ca­ti­vo in 27 con­flit­ti su 30». Ecco spie­ga­ta la rela­zio­ne tra con­flit­ti, aggra­va­ti o cau­sa­ti dai cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci, e «l’ap­pa­ren­te rove­scia­men­to del­la ten­den­za in dimi­nu­zio­ne, a lun­go ter­mi­ne, del­la fame nel mondo».

Ma non è fini­ta qui. Il para­dos­so è che anche quan­do la pro­du­zio­ne di mate­rie pri­me agri­co­le cre­sce, que­sta non si tra­sfor­ma auto­ma­ti­ca­men­te in bene­fi­ci per i con­ta­di­ni e le popo­la­zio­ni loca­li ma, anzi, in costi per i pae­si. Costa d’Avorio e Gha­na copro­no il 60% del­la pro­du­zio­ne mon­dia­le di cacao e, per entram­be, si annun­cia un anno record. Il mer­ca­to mon­dia­le del cacao vale cir­ca 124 miliar­di di dol­la­ri, eppu­re nel­le tasche dei con­ta­di­ni ivo­ria­ni e gha­ne­si fini­sco­no sola­men­te 5,5 miliar­di: il resto va a chi pro­du­ce i semi­la­vo­ra­ti e, soprat­tut­to, i pro­dot­ti fini­ti (87 miliar­di), e cioè le gran­di impre­se mul­ti­na­zio­na­li (con il cor­re­do di elu­sio­ne fisca­le che spes­so le con­trad­di­stin­gue). Il fol­le risul­ta­to è che i gover­ni afri­ca­ni dovran­no e devo­no soste­ne­re costi per pro­teg­ge­re il red­di­to dei rispet­ti­vi con­ta­di­ni. Nel frat­tem­po – per­ché oltre il dan­no c’è la bef­fa – il Gha­na è bene­fi­cia­rio di un pro­gram­ma di aiu­ti del Fon­do Mone­ta­rio Inter­na­zio­na­le per 920 milio­ni di dol­la­ri: di fat­to risor­se che si tra­sfe­ri­sco­no dal­le tasche dei cit­ta­di­ni alle tasche del­le mul­ti­na­zio­na­li, pas­san­do per l’intermediazione del­le isti­tu­zio­ni e del­le orga­niz­za­zio­ni internazionali.

Un qua­dro che ci sug­ge­ri­sce, anco­ra una vol­ta, che le que­stio­ni van­no affron­ta­te tut­te con­tem­po­ra­nea­men­te: le migra­zio­ni non pos­so­no esse­re gesti­te sola­men­te defi­nen­do chi scap­pa dal­la fame “migran­te eco­no­mi­co” («migra­tion should be a choi­ce, not a neces­si­ty», scri­ve sem­pre la FAO) e con­dan­nan­do­lo a tor­tu­re e mor­te in Libia. Allo stes­so tem­po non si può scon­fig­ge­re la fame e la pover­tà dimen­ti­can­do­si del­le nostre poli­ti­che com­mer­cia­li e del­le guer­re. E non si pos­so­no ricom­por­re i con­flit­ti dimen­ti­can­do­si dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci. Gli stes­si cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci che, gra­zie a una poli­ti­ca “fos­si­le”, minac­cia­no la nostra peni­so­la, dal­le coste alle Alpi.

Se non è un pro­ble­ma di pro­du­zio­ne e dispo­ni­bi­li­tà di cibo è, dun­que, un pro­ble­ma di acces­so e distri­bu­zio­ne del­le risor­se. La sot­to­nu­tri­zio­ne esi­ste per­ché — da qual­che altra par­te all’interno del­lo stes­so siste­ma – esi­sto­no le ecce­den­ze e gli spre­chi alimentari.

La Gior­na­ta Mon­dia­le dell’Alimentazione dovreb­be ricor­dar­ci tut­to ciò, e sug­ge­rir­ci quan­to pos­sia­mo fare a par­ti­re da noi stes­si e dal­le poli­ti­che attua­te dal nostro pae­se. Que­sti feno­me­ni, che pos­so­no sem­bra­no trop­po gran­di da con­tra­sta­re se osser­va­ti su lar­ga sca­la, pos­so­no esse­re scon­fit­ti su livel­li geo­gra­fi­ci ridot­ti, scar­di­nan­do fame e pover­tà un pez­zet­to alla volta.

Già in pas­sa­to ci era­va­mo occu­pa­ti di que­ste pro­ble­ma­ti­che pro­po­nen­do, oltre che misu­re per una tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca che veda pro­ta­go­ni­sta le comu­ni­tà loca­li, una nor­ma­ti­va per l’istituzione dei fri­go­ri­fe­ri soli­da­li di quar­tie­re e la pro­mo­zio­ne di sgra­vi fisca­li per pri­va­ti ed eser­ci­zi com­mer­cia­li (ora limi­ta­ta solo ai secon­di e lascia­ta alla buo­na volon­tà dei comu­ni) che deci­da­no di dona­re le pro­prie ecce­den­ze ai più biso­gno­si, per offri­re pro­spet­ti­ve e nuo­ve pos­si­bi­li­tà. Per­ché, come san­ci­to nel­la Dichia­ra­zio­ne Uni­ver­sa­le dei Dirit­ti Uma­ni, il rico­no­sci­men­to alla digni­tà spe­ci­fi­ca è dirit­to ina­lie­na­bi­le di ogni esse­re umano.

Ste­fa­no Catone

Vero­ni­ca Gian­fal­do­ni[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.