La sinistra felice. Possibile va a congresso

Sia­mo arri­va­ti alla sca­den­za del mio man­da­to da Segretaria. 

Sono tra­scor­si tre anni.

Tre anni mol­to inten­si, in cui abbia­mo affron­ta­to un per­cor­so com­ples­so e dif­fi­ci­le che ci ha por­ta­to fin qui.

Tre anni fa veni­vo per la pri­ma vol­ta elet­ta alla gui­da di un par­ti­to che usci­va dila­nia­to da una tor­na­ta elet­to­ra­le disa­stro­sa che ha visto il suo fon­da­to­re assu­mer­si le sue respon­sa­bi­li­tà e fare un pas­so indie­tro, even­to uni­co nel pano­ra­ma poli­ti­co italiano.

Abbia­mo attra­ver­sa­to momen­ti poli­ti­ca­men­te e per­so­nal­men­te mol­to duri, ma sem­pre gui­da­ti dal­la con­vin­zio­ne che l’orizzonte a cui guar­da­re fos­se la lea­le costru­zio­ne di una comu­ni­tà che uscis­se dal­le palu­di di una poli­ti­ca tos­si­ca e auto­re­fe­ren­zia­le, per affron­ta­re con costan­za stu­dio e deter­mi­na­zio­ne tut­te le urgen­ze di que­sto Pae­se, che van­no dal­la bat­ta­glia cli­ma­ti­ca alla lot­ta alle disuguaglianze.

In un’epoca in cui si costrui­sco­no par­ti­ti per­so­na­li­sti­ci e si cer­ca­no uomi­ni del­la Prov­vi­den­za, noi abbia­mo scom­mes­so sul gio­co di squa­dra, sul­la comunità.

E dopo tre anni sono estre­ma­men­te orgo­glio­sa di vede­re que­sta comu­ni­tà cre­sce­re e arric­chir­si ogni gior­no di nuo­ve risor­se e proposte.
La sini­stra feli­ce. Quel­la che vor­rem­mo vede­re nel Pae­se. Ed è pro­prio in que­sta dire­zio­ne che ora dob­bia­mo costruire.

Il mio man­da­to sca­drà l’11 maggio.

Entro quel­la data spe­ro rag­giun­ge­re­mo un nume­ro di ade­sio­ni anco­ra più nume­ro­so di quel­lo stra­bi­lian­te di que­sti pri­mi mesi.

Vor­rei che fin da ora si apris­se una fase pre-con­gres­sua­le a cui par­te­ci­pi­no con entu­sia­smo in mol­te e mol­ti, per­ché la mozio­ne che pre­sen­te­rò can­di­dan­do­mi per un secon­do man­da­to non sia solo sot­to­scrit­ta ma ela­bo­ra­ta dal­le per­so­ne che han­no rac­col­to la sfi­da di Possibile.

Per­ché Pos­si­bi­le sia pron­ta a pre­sen­tar­si alle ele­zio­ni Poli­ti­che con i pro­pri valo­ri, il pro­prio pro­gram­ma e il pro­prio pro­get­to. Per­ché sia rap­pre­sen­ta­to nel modo miglio­re dal­le per­so­ne migliori.

Bea­tri­ce Brignone

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.