Per l’accoglienza fatta bene: ad Avellino approvata all’unanimità la proposta di Possibile

Una settimana fa, con il gruppo consiliare "Si Può", incontro tra Possibile e SI, abbiamo chiesto e ottenuto - con una mozione votata all'unanimità - che il Consiglio comunale di Avellino deliberasse l'adesione allo Sprar, il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, un modello di accoglienza positivo che, riconoscendo alla migranza i tratti di un fenomeno strutturale, propone il superamento della logica emergenziale assegnando al protagonismo degli Enti locali l’organizzazione dei servizi integrati dedicati all’accoglienza.

Ino­spi­ta­le a dispet­to del­le sue radi­ci, inge­ne­ro­sa ver­so i Comu­ni del­la pro­vin­cia già ospi­tan­ti, indif­fe­ren­te ai ripe­tu­ti richia­mi del Pre­fet­to, muta di fron­te alle par­te di cit­tà che ha mani­fe­sta­to con le len­zuo­la bian­che ai bal­co­ni la sua pro­te­sta per l’apertura di un Cen­tro di acco­glien­za straor­di­na­rio (Cas) e muta anche di fron­te all’altra par­te di cit­tà che, inve­ce, chie­de­va una rispo­sta ammi­ni­stra­ti­va digni­to­sa in tema di acco­glien­za. Que­sta la foto­gra­fia dell’Ammi­ni­stra­zio­ne comu­na­le dem di Avel­li­no, che ha affi­da­to alle non poli­ti­che di acco­glien­za la rela­zio­ne con i richie­den­ti asi­lo, con la silen­zio­sa mol­ti­tu­di­ne in cam­mi­no che ha incro­cia­to la mia pro­vin­cia, insie­me a tan­te altre, in atte­sa di rice­ve­re la pro­te­zio­ne inter­na­zio­na­le e umanitaria.

Più pre­ci­sa­men­te, que­sta la foto­gra­fia fino a una set­ti­ma­na fa. Il suo nega­ti­vo, anche quel­lo, par­la­va di un’attesa. Sta­vol­ta, però, dell’attesa di un gesto poli­ti­co che affi­das­se all’accoglienza il miglio­re rac­con­to di sé. Una set­ti­ma­na fa, con il grup­po con­si­lia­re “Si Può”, incon­tro tra Pos­si­bi­le e SI, abbia­mo chie­sto e otte­nu­to — con una mozio­ne vota­ta all’u­na­ni­mi­tà — che il Con­si­glio comu­na­le di Avel­li­no deli­be­ras­se l’a­de­sio­ne allo Sprar, il Siste­ma di pro­te­zio­ne per richie­den­ti asi­lo e rifu­gia­ti, un model­lo di acco­glien­za posi­ti­vo che, rico­no­scen­do alla migran­za i trat­ti di un feno­me­no strut­tu­ra­le, pro­po­ne il supe­ra­men­to del­la logi­ca emer­gen­zia­le asse­gnan­do al pro­ta­go­ni­smo degli Enti loca­li l’organizzazione dei ser­vi­zi inte­gra­ti dedi­ca­ti all’accoglienza. Si trat­ta di un model­lo per pic­co­li nume­ri, come ben descri­ve il nostro Ste­fa­no Cato­ne, che pro­get­ta un siste­ma loca­le di acco­glien­za dif­fu­sa e che, attra­ver­so la cen­tra­li­tà del pub­bli­co nel coor­di­na­men­to e nel con­trol­lo, tute­la e garan­ti­sce la qua­li­tà e i livel­li mini­mi dei ser­vi­zi dedi­ca­ti, come la media­zio­ne cul­tu­ra­le, l’alfabetizzazione, l’assistenza psi­co-socio-sani­ta­ria, la for­ma­zio­ne e le bor­se lavo­ro, l’accesso agli allog­gi, ma anche la tra­spa­ren­za nel­le pro­ce­du­re ammi­ni­stra­ti­ve e nel­la ren­di­con­ta­zio­ne del­la spe­sa e la sta­bi­li­tà nell’erogazione dei ser­vi­zi, con­tem­plan­do la pos­si­bi­li­tà di ricon­fer­mar­li per un trien­nio aggiun­ti­vo oltre quel­lo dell’adesione, ele­men­to que­sto tutt’altro che trascurabile.

mozione sprar avellino

[LEGGI L’INTERO TESTO DELLA MOZIONE]

[VAI ALLA PAGINA DELLA CAMPAGNA “NESSUN PAESE E’ UN’ISOLA]

[VAI ALLA PAGINA DEDICATA AGLI AMMINISTRATORI PUBBLICI]

Si può fare acco­glien­za, e bene, se ci si disin­ca­glia dal­la stra­te­gia dell’emergenza che trop­pe vol­te costrui­sce vie bre­vi per gli affa­ri dei pri­va­ti. Mafia Capi­ta­le, i cen­tri irpi­ni sgom­be­ra­ti l’anno scor­so, i sol­di fini­ti sen­za con­trol­lo nel­le tasche di coo­pe­ra­ti­ve e socie­tà per sti­pa­re migran­ti in cen­tri che pote­va­no ospi­tar­ne la metà da una par­te, e poi stri­scio­ni fasci­sti, stra­de sbar­ra­te e rea­zio­ni scom­po­ste, come le len­zuo­la bian­che di Via Fran­ce­sco Tede­sco, a sof­fia­re sul fuo­co del­la pau­ra dall’altra. Trac­ce, que­ste ulti­me, che pie­ga­no l’accoglienza all’emergenza, per­ché è con que­sto sen­ti­men­to che si sot­trae pro­gres­si­va­men­te den­si­tà al dirit­to (e al dove­re) d’asilo per gestir­lo con tut­ti i limi­ti che le pro­ce­du­re con­tem­pla­no nel­le fasi di emergenza.

Ecco per­ché nei nostri Con­si­gli comu­na­li dovrem­mo tor­na­re tut­ti con la stes­sa mozio­ne su cui l’assise di Avel­li­no si è espres­sa all’unanimità, acco­glien­do l’adesione allo Sprar.

Pri­ma di tut­to per inda­ga­re quel disa­gio, per spie­ga­re quel­le pau­re, che non par­la­no del­la cri­si dei migran­ti, ma del­la nostra cri­si e di quan­to le rispo­ste del­le poli­ti­che nazio­na­li non sia­no sta­te in gra­do di inci­de­re da oltre un decen­nio sul­le nostre vite. Dovrem­mo tor­nar­ci tut­ti nei nostri Con­si­gli comu­na­li per descri­ve­re che l’assenza del­le nostre Ammi­ni­stra­zio­ni dai pro­ces­si deci­sio­na­li non solo tute­la gli spe­cu­la­to­ri dell’accoglienza, ma impo­ve­ri­sce le nostre comu­ni­tà di oppor­tu­ni­tà socia­li e pro­fes­sio­na­li, che han­no con­sen­ti­to a Ria­ce il ripo­po­la­men­to del cen­tro sto­ri­co abban­do­na­to e un assun­to ogni die­ci ospi­ti, e di ser­vi­zi pub­bli­ci, garan­ti­ti come a Sute­ra dove la scuo­la ele­men­ta­re non ha più inter­rot­to il suo ser­vi­zio gra­zie all’iscrizione dei mino­ri stra­nie­ri accol­ti sul ter­ri­to­rio comu­na­le. E dovrem­mo tor­nar­ci anco­ra, e poi insi­ste­re anco­ra, per­ché è nel­le pover­tà comu­ni che diven­ta sem­pre più fati­co­sa l’emancipazione dal biso­gno, sia quel­la degli ita­lia­ni che quel­la degli stranieri.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.