Lotta globale al cambiamento climatico: la “carbon border tax”

Il Par­la­men­to euro­peo ha adot­ta­to il 10 mar­zo una riso­lu­zio­ne che pre­ve­de l’introduzione di un mec­ca­ni­smo di aggiu­sta­men­to del car­bo­nio alla fron­tie­ra (Car­bon Bor­der Adjust­ment Mecha­ni­sm — CBAM). Attra­ver­so que­sta “car­bon bor­der tax”, si appli­che­reb­be un prez­zo sul­le emis­sio­ni di CO2 di alcu­ni beni impor­ta­ti nell’UE, pro­ve­nien­ti da pae­si con stan­dard cli­ma­ti­ci meno ambi­zio­si di quel­li euro­pei. La logi­ca è di evi­ta­re che gli ambi­zio­si tar­get euro­pei intro­dot­ti dal Green Deal pro­vo­chi­no una “fuga di car­bo­nio”, ossia una fuga fuo­ri dall’Ue del­le impre­se euro­pee che annul­le­reb­be i bene­fi­ci degli sfor­zi glo­ba­li per il clima.

Il nuo­vo mec­ca­ni­smo per­met­te­reb­be così di pro­teg­ge­re il mer­ca­to euro­peo dall’importazione aggres­si­va da Sta­ti dove il costo di pro­du­zio­ne è mino­re a sca­pi­to del rispet­to dell’ambiente. Allo stes­so tem­po, si cree­reb­be una pari­tà di con­di­zio­ni a livel­lo glo­ba­le, ovve­ro un incen­ti­vo alla decar­bo­niz­za­zio­ne, sia per le indu­strie euro­pee sia per quel­le non euro­pee, in linea con gli obiet­ti­vi del­l’Ac­cor­do di Parigi.

Il siste­ma attua­le dell’Ue (siste­ma per lo scam­bio del­le quo­te di emis­sio­ne — ETS) pre­ve­de infat­ti una cer­ta quan­ti­tà di emis­sio­ni garan­ti­te per le indu­strie euro­pee, come mec­ca­ni­smo di pro­te­zio­ne rispet­to a quel­le stra­nie­re. Ciò non sarà più pos­si­bi­le con il nuo­vo mec­ca­ni­smo, poi­ché que­sta dop­pia pro­te­zio­ne sareb­be con­tra­ria alle rego­le del WTO sul­la concorrenza.

La ratio del­la riso­lu­zio­ne del Par­la­men­to non è di intro­dur­re misu­re pro­te­zio­ni­sti­che, ma di garan­ti­re che anche i set­to­ri più inqui­nan­ti par­te­ci­pi­no alla lot­ta glo­ba­le con­tro il cam­bia­men­to climatico.

Inol­tre, la riso­lu­zio­ne del Par­la­men­to pre­ve­de che le entra­te gene­ra­te dal­la car­bon bor­der tax con­tri­bui­sca­no ad ali­men­ta­re le “risor­se pro­prie” dell’Ue che finan­zie­ran­no il pia­no di ripre­sa Next Gene­ra­tion EU e, in gene­ra­le, il bilan­cio euro­peo. Ciò rap­pre­sen­te­reb­be un impor­tan­te soste­gno all’attuazione del­le ambi­zio­se poli­ti­che euro­pee di tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca e digi­ta­le. Non dimen­ti­chia­mo che oggi il bilan­cio dell’UE dipen­de qua­si inte­ra­men­te dai tra­sfe­ri­men­ti finan­zia­ri degli Sta­ti membri.

La Com­mis­sio­ne euro­pea dovreb­be pre­sen­ta­re una pro­po­sta legi­sla­ti­va sul CBAM nel secon­do tri­me­stre del 2021 come par­te del Green Deal euro­peo, insie­me a una pro­po­sta su come inclu­de­re le entra­te gene­ra­te per finan­zia­re par­te del bilan­cio UE.

Tut­ta­via, non è det­to che le pro­po­ste degli euro­de­pu­ta­ti sia­no pre­se in con­to. Infat­ti, nell’assetto isti­tu­zio­na­le attua­le, il Par­la­men­to euro­peo, nono­stan­te sia l’unica isti­tu­zio­ne euro­pea elet­ta a suf­fra­gio uni­ver­sa­le dai cit­ta­di­ni, non ha pote­re di ini­zia­ti­va legi­sla­ti­va. La Com­mis­sio­ne euro­pea non ha obbli­go di dare segui­to alle sue “riso­lu­zio­ni di iniziativa”.

Sil­via Romano

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.