Magia editoriale di Repubblica: fa sparire la sinistra e se ne lamenta

Indispensabile lamentarsi della mancanza di sinistra, del resto: se a qualcuno dei loro affezionati lettori spuntasse la voglia di farsi un giro nel Paese reale (dove a sinistra ci si è consumate le suole a attraversare il Paese "nel merito" come piace a loro) uscendo dall'Italia "secondo Renzi, Repubblica e Calabresi" finirebbero per abbonarsi a Novella 7000 piuttosto che leggere il bollettino di governo.
destra-sinistra-1440x580

Il diret­to­re di Repub­bli­ca Mario Cala­bre­si, per dar­ci il buon­gior­no di que­sto benar­ri­va­to silen­zio elet­to­ra­le, esi­bi­sce tut­to il suo orgo­glio e tut­to il suo pre­giu­di­zio con una pri­ma pagi­na che è un capo­la­vo­ro di illusionismo:

img_0106

«Ren­zi-Gril­lo, il rush fina­le» tito­la il quo­ti­dia­no. E poi tut­to un dispie­ga­men­to di arti­co­les­se (ah, gli ana­li­sti poli­ti­ci di que­sto Pae­se, così pro­ni e così fal­la­ci in que­sti ulti­mi anni) che si inca­po­ni­sco­no nel tra­sfor­ma­re il refe­ren­dum sul­la revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le in una zuf­fet­ta da cor­ti­le, una ris­sa del dopo­scuo­la tra i bul­let­ti del­la clas­se. Bana­liz­za­no e poi ci invi­ta­no a non bana­liz­za­re, fru­ga­no nel­la mer­da e fan­no gli schiz­zi­no­si per un filo di fan­go. Sono fat­ti così: in man­can­za di bana­li­tà da denun­cia­re ver­sa­no suc­co bana­lis­si­mo per poter­ne parlare.

Poi, ovvia­men­te, par­te la filip­pi­ca per la man­can­za di sini­stra in Ita­lia. Indi­spen­sa­bi­le lamen­tar­si del­la man­can­za di sini­stra, del resto: se a qual­cu­no dei loro affe­zio­na­ti let­to­ri spun­tas­se la voglia di far­si un giro nel Pae­se rea­le (dove a sini­stra ci si è con­su­ma­te le suo­le a attra­ver­sa­re il Pae­se “nel meri­to” come pia­ce a loro) uscen­do dal­l’I­ta­lia “secon­do Ren­zi, Repub­bli­ca e Cala­bre­si” fini­reb­be­ro per abbo­nar­si a Novel­la 7000 piut­to­sto che leg­ge­re il bol­let­ti­no di governo.

Fan­no spa­ri­re la sini­stra (loro) e sem­pre loro ne lamen­ta­no la man­can­za. E in nome di un vir­go­la di intel­let­tua­li­smo (che tan­to pia­ce a Ren­zi) se ne fot­to­no di un’in­te­ra comunità.

Avan­ti così.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.