Partiamo dalla fine (del mondo)

Se ci attrezziamo potremo diffondere energia a costi più bassi, a effetti minimi, e insieme all'energia potremo diffondere benessere e opportunità di lavoro e insomma ricchezza. Il compito di una generazione per aprire il cammino alle prossime.

Con Anna­li­sa Cor­ra­do e con il nostro appel­lo #pri­ma­del­di­lu­vio gire­re­mo l’I­ta­lia alla ricer­ca di solu­zio­ni per evi­ta­re di fini­re som­mer­si. Che capi­sco che è un tema che uno non ci pen­sa, per­ché ha da fare e ha già mol­ti pro­ble­mi, però ini­zia­mo a pre­pa­ra­re scia­lup­pe pri­ma di dover pro­get­ta­re un’arca.

Alla tre gior­ni del­la nostra Costi­tuen­te del­le idee e all’in­di­riz­zo italia@possibile.com rac­co­glie­re­mo con­tri­bu­ti, solu­zio­ni, avan­ze­re­mo pro­po­ste di leg­ge da far ideal­men­te sot­to­scri­ve­re alle pros­si­me generazioni.

Si par­le­rà di auto­pro­du­zio­ne (da soste­ne­re) e di Car­bon Tax (da intro­dur­re). Si chie­de­rà sem­pli­fi­ca­zio­ne. Si pre­ten­de­rà cer­tez­za per gli ope­ra­to­ri e per i cit­ta­di­ni. Si chie­de­rà che l’I­ta­lia diven­ti una esco, che inve­sta sul­l’ef­fi­cien­za per rispar­mia­re da subi­to, per ridur­re la pro­pria dipen­den­za da sceic­chi e dit­ta­to­ri, per con­tri­bui­re a ridur­re il rischio che vada tut­to let­te­ral­men­te a rotoli.

Un film usci­to qual­che tem­po fa, che par­la­va d’al­tro, si inti­to­la­va “È solo la fine del mon­do”. Pri­ma di fug­gi­re dal pia­ne­ta, evi­tia­mo di fug­gi­re dal­le nostre responsabilità.

Che poi è stu­pi­do: per­ché se ci attrez­zia­mo potre­mo dif­fon­de­re ener­gia a costi più bas­si, a effet­ti mini­mi, e insie­me all’e­ner­gia potre­mo dif­fon­de­re benes­se­re e oppor­tu­ni­tà di lavo­ro e insom­ma ric­chez­za. Il com­pi­to di una gene­ra­zio­ne per apri­re il cam­mi­no alle prossime.

Non male, come poli­ti­ca. Poi cer­to la data del­le ele­zio­ni è impor­tan­te. Pure quel­la del con­gres­so del Pd da cui sem­bra dipen­de­re e di cui par­la­no i media in modo osses­si­vo. Però fac­cia­mo nota­re che le vere date e le sca­den­ze deci­si­ve sono altre. E sono alte. Come l’ac­qua in lagu­na. E non solo lì.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.