Per una campagna elettorale pulita, anche sul web — #Antivirus

Continuano a diffondersi, con modalità tutte da verificare, messaggi di odio al servizio della politica italiana. E di politici che non solo rappresentano una parte, ma le istituzioni.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]C’è un tema che ritor­na trop­po poco e trop­po epi­so­di­ca­men­te, che vie­ne spes­so con­fu­so con il com­plot­ti­smo dila­gan­te, ma che inve­ce rap­pre­sen­ta un fat­to di estre­ma gra­vi­tà. Un tema che va affron­ta­to seria­men­te, sen­za cade­re in fre­ne­sie censorie. 

Sul­la rete ne suc­ce­do­no di ogni.

E, a par­te le denun­ce di alcu­ni ricer­ca­to­ri e di tec­ni­ci volen­te­ro­si, pare inte­res­sa­re pochis­si­mo ai gran­di media. Eppu­re con­ti­nua­no a dif­fon­der­si, con moda­li­tà tut­te da veri­fi­ca­re, mes­sag­gi di odio al ser­vi­zio del­la poli­ti­ca ita­lia­na. E di poli­ti­ci che non solo rap­pre­sen­ta­no una par­te, ma le istituzioni.

Sic­co­me non pos­sia­mo rivol­ge­re la que­stio­ne al mini­stro dell’Interno, ci chie­dia­mo a chi dob­bia­mo chie­de­re, se ci sono par­la­men­ta­ri inte­res­sa­ti a appro­fon­di­re la que­stio­ne, come stia­mo facen­do noi, e se ci sono gior­na­li che voglia­no illu­strar­la e denunciarla.

Ci indi­gnia­mo per le scor­ret­tez­ze del­le cam­pa­gne elet­to­ra­li, per i mani­fe­sti affis­si abu­si­va­men­te, per i volan­ti­ni ai seg­gi, ma nes­su­no spen­de una paro­la su come si svol­ga­no quel­le stes­se cam­pa­gne sul web, su piat­ta­for­me a cui han­no acces­so la mag­gio­ran­za degli elet­to­ri, rag­giun­ti in modo più capil­la­re e sub­do­lo rispet­to ai sup­por­ti fisici.

Cam­pa­gne truf­fal­di­ne e dif­fa­ma­to­rie, che han­no sicu­ra­men­te un nome e un cogno­me e, con tut­ta pro­ba­bi­li­tà, anche un costo eco­no­mi­co e un valo­re com­mer­cia­le, qua­lo­ra non fos­se­ro inte­ra­men­te ascri­vi­bi­li a un sem­pli­ce “atti­vi­smo” disor­ga­niz­za­to. Sen­za fare di ogni erba un fascio, anche se di fasci in giro ce ne sono parec­chi, e sono sem­pre al limi­te del­la querela.

A par­te Lau­ra Bol­dri­ni, che ha ini­zia­to giu­sta­men­te a difen­der­si con­tro un’azione siste­ma­ti­ca che le è sta­ta sca­glia­ta con­tro per anni, e che pro­prio oggi ha otte­nu­to una pri­ma vit­to­ria giu­di­zia­ria, non risul­ta­no altri impe­gni in que­sto sen­so, al di là dell’occasionale indi­gna­zio­ne quan­do un caso par­ti­co­la­re sale agli ono­ri del­la cro­na­ca. Ma la pra­ti­ca è tutt’altro che occa­sio­na­le, anzi.

Anti­vi­rus oltre a denun­cia­re le sin­go­le fake, a ripe­ti­zio­ne, ripre­se da cana­li isti­tu­zio­na­li del­la poli­ti­ca ita­lia­na sen­za fare una pie­ga, vuo­le dare voce e rap­pre­sen­tan­za a que­sto argo­men­to. E chie­de ai poten­ti del nostro pae­se, nel cosid­det­to cir­cui­to poli­ti­co-media­ti­co, di pre­ten­de­re una cam­pa­gna elet­to­ra­le puli­ta e di agi­re di con­se­guen­za.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.