Il pessimo clima(x) di questi giorni

Que­sta esta­te ha il vol­to coper­to (dai caschi) dei poli­ziot­ti di Piaz­za Indi­pen­den­za (Ita­lia, Roma, ago­sto 2017) che urla­no paro­le di scher­no a sfon­do raz­zia­le sui migran­ti sgom­bra­ti, che bran­di­sco­no man­ga­nel­li con­tro per­so­ne iner­mi, ma anche il vol­to coper­to dei com­men­ta­to­ri Face­book che die­tro nic­k­na­me (non meno osti­li di un pas­sa­mon­ta­gna) copro­no di insul­ti e cat­ti­ve­ria anche don­ne e bam­bi­ni, per­so­ne che resta­no “don­ne e bam­bi­ni” anche se non fos­se­ro “rego­la­ri”.

C’è un cli­max pes­si­mo nel nostro pae­se e inten­do la sca­la cre­scen­te (per gra­vi­tà, disu­ma­ni­tà e cini­smo) di fat­ti e atti, poli­ti­ci e mate­ria­li che dise­gna­no l’Ita­lia secu­ri­ta­ria a dirit­to dise­gua­le inau­gu­ra­ta con i decre­ti Min­ni­ti — Orlan­do.
Si’, per­ché è da lì che biso­gna par­ti­re per capi­re la logi­ca fer­rea e la coe­ren­za necro-valo­ria­le (uso for­se un neo­lo­gi­smo per par­la­re di mor­te dei valo­ri, che non gui­da­no più la legi­sla­zio­ne) che lega tut­to: l’apar­theid giu­di­zia­ria per i richie­den­ti asi­lo, l’in­tro­du­zio­ne del rea­to di pover­tà, l’of­fen­si­va poli­ti­ca, legi­sla­ti­va, media­ti­ca e per­si­no giu­di­zia­ria con­tro le Ong che sal­va­no vite in mare (rispet­tan­do il dirit­to del mare, che ha qual­che gra­do in più di cogen­za di un Codex Min­ni­ti qual­sia­si), la mis­sio­ne libi­ca che adde­stra e aiu­ta la guar­dia costie­ra in mare e le mili­zie (mafio­si com­pre­si) a ter­ra a fare ciò che la Con­ven­zio­ne di Gine­vra del 1951 vie­ta (prin­ci­pio di non refou­le­ment, divie­to di respin­gi­men­to dei pro­fu­ghi ver­so pae­si dove pos­sa­no esse­re per­se­gui­ta­ti o sot­to­po­sti a trat­ta­men­ti disu­ma­ni e degra­dan­ti come avvie­ne nei cam­pi di con­cen­tra­men­to libi­ci), il ritor­no del­l’am­ba­scia­to­re ita­lia­no nel­l’E­git­to che ha tor­tu­ra­to e ucci­so Giu­lio Rege­ni in cam­bio del­la sta­bi­liz­za­zio­ne libi­ca (Casi­ni dixit), gli sgom­be­ri di immo­bi­li e spa­zi pub­bli­ci occu­pa­ti da migran­ti con gli idran­ti, come in una dit­ta­tu­ra suda­me­ri­ca­na qual­sia­si (la macel­le­ria mes­si­ca­na l’ab­bia­mo già pro­va­ta e for­se è una sta­gio­ne che ritorna…)

I decre­ti Min­ni­ti-Orlan­do, guar­da caso sul­la mala­ta dia­de Immi­gra­zio­ne e Sicu­rez­za Urba­na, sono l’i­ni­zio di que­sta rapi­dis­si­ma disce­sa agli infe­ri del­la civil­tà e del diritto.
Qual­cu­no ha fat­to spal­luc­ce sul­la eli­mi­na­zio­ne di un gra­do di meri­to nei giu­di­zi sul dirit­to di asi­lo, come se fos­se nor­ma­le man­te­ne­re 3 gra­di di giu­di­zio per impu­gna­re un ver­ba­le per divie­to di sosta e lasciar­ne solo 2 per la tute­la di un dirit­to uma­no fon­da­men­ta­le. Qual­cu­no ha mini­miz­za­to la cri­mi­na­liz­za­zio­ne del­la pover­tà e del­l’e­mar­gi­na­zio­ne, il divie­to di sta­zio­na­men­to e di rovi­stag­gio, il libe­ro sgom­be­ro in sem­pre meno libe­ro stato.

Oggi quei decre­ti, scrit­ti e riven­di­ca­ti non da due mini­stri qual­sia­si ma dal Mini­stro del­l’In­ter­no e dal Mini­stro del­la Giu­sti­zia che sono anche auto­re­vo­li espo­nen­ti del PD, tro­va­no final­men­te attuazione.

Le indi­gna­zio­ni tar­di­ve non ser­vo­no se non a sot­to­li­nea­re che biso­gna­va vota­re con­tro quei prov­ve­di­men­ti (noi lo abbia­mo fat­to) per impe­di­re l’i­ni­zio del clima(x) pes­si­mo dove infat­ti quel­le nor­me (e quel­la cul­tu­ra) oggi ci han­no portato.

Noi di un’I­ta­lia così ci ver­go­gnia­mo, noi un Mini­stro come Min­ni­ti non lo vogliamo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.