Quanto è costato il Tour RiCostituente

Il Tour RiCo­sti­tuen­te ha tota­liz­za­to oltre 200 tap­pe in cir­ca 6 mesi, com­pre­si due Poli­ti­camp, uno a Reg­gio Emi­lia e uno a Saler­no, e un main event all’E­stra­gon di Bolo­gna giu­sto tre set­ti­ma­ne fa.

In qua­li­tà di par­ti­to che non ha spon­sor occul­ti alle spal­le, ci sia­mo finan­zia­ti con le offer­te e le quo­te asso­cia­ti­ve dei nostri soste­ni­to­ri, tut­te trac­cia­te, com­pien­do quel­lo che per noi è sta­to anche un gros­so sfor­zo eco­no­mi­co, oltre che organizzativo.

Abbia­mo spe­so cir­ca 40mila euro nel­l’or­ga­niz­za­zio­ne degli even­ti più gran­di, quel­li cura­ti diret­ta­men­te dal­l’or­ga­niz­za­zio­ne nazio­na­le — affit­ti, ser­vi­ce audio/video, strea­ming, ecce­te­ra — e ne abbia­mo inve­sti­ti cir­ca 20mila in mate­ria­li infor­ma­ti­vi e di pro­pa­gan­da di vario tipo, ma soprat­tut­to cartacei.

Abbia­mo ovvia­men­te usa­to gli spa­zi con­ces­si dal­la leg­ge, sia su tv e radio loca­li, sia nel­le poche fine­stre dedi­ca­te dai net­work nazio­na­li, anche se dob­bia­mo regi­stra­re l’im­ma­ne dispa­ri­tà di spa­zi e di trat­ta­men­to riser­va­to in par­ti­co­lar modo al Gover­no e di cer­to non suf­fi­cien­te­men­te bilan­cia­to dagli spa­zi sta­bi­li­ti dal­la par con­di­cio. I nostri par­la­men­ta­ri han­no con­tri­bui­to a spe­se loro, così come con­tri­bui­sco­no a tut­ta l’at­ti­vi­tà di Pos­si­bi­le, e abbia­mo garan­ti­to i rim­bor­si per i mili­tan­ti non par­la­men­ta­ri che han­no gira­to da una tap­pa all’al­tra: e le nostre spe­se sono sta­te tut­te qui, non c’è altro, ci augu­ria­mo peral­tro che anche gli altri atto­ri impe­gna­ti nel­la cam­pa­gna refe­ren­da­ria ne daran­no con­to allo stes­so modo.

Abbia­mo infi­ne potu­to con­ta­re sul­l’im­pe­gno straor­di­na­rio e dif­fu­so dei qua­si 200 comi­ta­ti di Pos­si­bi­le spar­si in tut­ta Ita­lia, sono sta­ti loro a orga­niz­za­re le tap­pe loca­li, e quin­di la mag­gior par­te del Tour, e lo han­no fat­to auto­tas­san­do­si, stam­pan­do in pro­prio volan­ti­ni e mani­fe­sti, orga­niz­zan­do i ban­chet­ti, e impie­gan­do il loro tem­po e le loro ener­gie: il loro con­tri­bu­to è ovvia­men­te incal­co­la­bi­le, in tut­ti i sen­si, e a loro va il meri­to del risul­ta­to e la gratitudine.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.