Recovery Plan armato: distrarre fondi in questo modo è inaccettabile

Sarà per la Pasqua immi­nen­te con gli ita­lia­ni distrat­ti dal­le restri­zio­ni e dal pia­no vac­ci­na­le che è arri­va­ta, ine­so­ra­bi­le, la zam­pa­ta dell’industria bel­li­ca sul Reco­ve­ry Plan. Sono le com­mis­sio­ni Dife­sa di Came­ra e Sena­to ad aver appro­va­to il poten­zia­men­to e l’ammodernamento degli stru­men­ti mili­ta­ri coi fon­di euro­pei del Next Gene­ra­tion EU. C’è sta­ta una straor­di­na­ria una­ni­mi­tà, dai par­ti­ti di gover­no fino al prin­ci­pa­le par­ti­to di oppo­si­zio­ne, FdI, che sono pre­sen­ti in commissione.

La pri­ma a denun­ciar­lo è sta­ta la Rete Ita­lia­na Pace e Disar­mo che ha visto riget­ta­re in bloc­co le pro­prie pro­po­ste per il disar­mo. Non si capi­sce come e a che tito­lo l’industria mili­ta­re pos­sa esse­re coin­vol­ta nel Pia­no di ripre­sa e resi­lien­za (le chiu­su­re dovu­te alla pan­de­mia non han­no mai coin­vol­to le indu­strie degli arma­men­ti). Le rela­zio­ni fan­no rife­ri­men­to allo svi­lup­po di nuo­ve tec­no­lo­gie e mate­ria­li, alla tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca e a distret­ti mili­ta­ri intel­li­gen­ti, ma livel­li occu­pa­zio­na­li a par­te non ci imma­gi­nia­mo come finan­zia­re stru­men­ti di mor­te pos­sa esse­re di qual­che uti­li­tà (non solo imme­dia­ta o elet­to­ral­men­te pre­mian­te) per le pros­si­me gene­ra­zio­ni e per affron­ta­re la prin­ci­pa­le emer­gen­za che dovreb­be pre­oc­cu­par­ci tut­ti, sem­pre (e pre­oc­cu­pa­re i nostri gover­nan­ti): il col­las­so cli­ma­ti­co.

Distrar­re fon­di euro­pei che sono sta­ti pen­sa­ti per altri e più alti obiet­ti­vi (cli­ma, disu­gua­glian­ze, gio­va­ni) è inac­cet­ta­bi­le. Se il gover­no pen­sa di rilan­cia­re l’economia in que­sto modo e se nel PNRR la tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca pren­de­rà que­sta pie­ga allo­ra fare­mo solo un sac­co di debi­ti (non è tut­to a fon­do per­du­to, anzi) sen­za aver cam­bia­to dire­zio­ne di un mil­li­me­tro e per giun­ta facen­do­ci per­de­re un sac­co di anni sul­la tabel­la di mar­cia che por­ta al 2030. Il 2050 sarà già trop­po tar­di anche se lo met­tia­mo tut­ti nel sim­bo­lo (sic!).

Già la boz­za di PNRR del Con­te II pre­sen­ta­va parec­chie dimen­ti­can­ze cir­ca l’ambiente e la tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca, ades­so voglia­mo capi­re se il nuo­vo Pia­no che si va deli­nean­do sarà ade­gua­to alle linee gui­da del Ue sull’impiego dei fon­di (non agli obiet­ti­vi mini­mi per affron­ta­re i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci, per­ché non si avvi­ci­na nean­che lontanamente).

Pen­sa­va­mo di aver visto il peg­gio in gen­na­io, ma col cam­bio di gover­no c’è sta­to un sal­to di qua­li­tà con­si­de­re­vo­le, ci aspet­tia­mo un assal­to alla dili­gen­za fino a fine apri­le (o fino a quan­do la Cor­te Costi­tu­zio­na­le tede­sca darà il via libera).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.