Regioni a statuto speciale: cosa succede con la riforma?

Una norma transitoria prevede la non applicazione del nuovo riparto di competenze fra Stato e Regioni «fino alla revisione dei rispettivi statuti sulla base di intese con le medesime Regioni e Province autonome».

In que­sti gior­ni tan­tis­si­mi si sono eser­ci­ta­ti sul­la discus­sio­ne ine­ren­te la rifor­ma del tito­lo V e le con­se­guen­ze che que­sta avreb­be sul­le regio­ni a sta­tu­to spe­cia­le e su quel­le a sta­tu­to ordi­na­rio. Mol­to spes­so, da ambo i fron­ti, la discus­sio­ne è avve­nu­ta con trop­pa super­fi­cia­li­tà e sen­za con­si­de­ra­re real­men­te le impli­ca­zio­ni che il voto comporta.

Que­sta rifor­ma (che per ammis­sio­ne degli stes­si pro­mo­to­ri è cen­tra­li­sta e mira a ridur­re gli spa­zi di auto­no­mia per le regio­ni) è in tota­le con­tro­ten­den­za rispet­to a quan­to ela­bo­ra­to negli ulti­mi anni dal cen­tro­si­ni­stra, inclu­sa la famo­sa pro­po­sta dell’Ulivo che pre­ve­de­va un sena­to del­le auto­no­mie in uno sta­to fede­ra­le. Le modi­fi­che intro­dot­te dal­la rifor­ma riguar­de­ran­no — se mai doves­se entra­re in vigo­re — tut­te le regio­ni, sia quel­le a sta­tu­to spe­cia­le che quel­le a sta­tu­to ordi­na­rio. D’al­tra par­te le pri­me han­no sen­so com­piu­to solo in un siste­ma regio­na­le for­te, men­tre sono desti­na­te ad esse­re mes­se in discus­sio­ne se il siste­ma regio­na­le vie­ne inde­bo­li­to, fino a diven­ta­re di fat­to inca­pa­ci di inci­de­re su tut­te le que­stio­ni che han­no a che fare con la vita del­le persone.

Il dibat­ti­to si è con­cen­tra­to sul­lo squi­li­brio che ver­reb­be intro­dot­to nel testo costi­tu­zio­na­le tra le regio­ni a sta­tu­to spe­cia­le e quel­le a sta­tu­to ordi­na­rio, in par­ti­co­la­re in meri­to all’applicazione dell’articolo 117 ed alla vaga, quan­to insi­dio­sa, clau­so­la di sal­va­guar­dia pre­di­spo­sta dal com­ma 3 dell’art. 39 del­la leg­ge di rifor­ma. Uno dei pro­ble­mi è rile­va­bi­le nel­la nor­ma tran­si­to­ria che pre­ve­de la non appli­ca­zio­ne del nuo­vo ripar­to di com­pe­ten­ze fra Sta­to e Regio­ni deli­nea­to dal­la rifor­ma alle Regio­ni a sta­tu­to spe­cia­le e alle Pro­vin­ce auto­no­me di Tren­to e di Bol­za­no, «fino alla revi­sio­ne dei rispet­ti­vi sta­tu­ti sul­la base di inte­se con le mede­si­me Regio­ni e Pro­vin­ce auto­no­me». Que­sta tute­la (intro­dot­ta per garan­tir­si i voti del grup­po del­le Auto­no­mie al Sena­to, essen­zia­li per l’approvazione del­la rifor­ma) è tut­ta­via mol­to debo­le. Le Regio­ni a sta­tu­to spe­cia­le dovran­no infat­ti, come pre­vi­sto nel testo, rive­de­re i pro­pri sta­tu­ti attra­ver­so un’in­te­sa che poi pas­se­rà comun­que al vaglio del Par­la­men­to. Gli sta­tu­ti spe­cia­li sono infat­ti leg­gi costi­tu­zio­na­li, sul­le qua­li l’ultima paro­la spet­ta al Par­la­men­to, vero tito­la­re del pote­re di revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le. È legit­ti­mo aspet­tar­si, quin­di, un cli­ma in cui entram­bi i rami del Par­la­men­to spin­ge­reb­be­ro per limi­ta­re anche i pote­ri del­le regio­ni a sta­tu­to spe­cia­le. Ovvia­men­te alla Came­ra la mag­gio­ran­za gover­na­ti­va è assi­cu­ra­ta dall’Italicum, ma è pra­ti­ca­men­te scon­ta­to che l’unico vero inte­res­se ter­ri­to­ria­le nel nuo­vo Sena­to dei cen­to che pos­sa esse­re con­di­vi­so dai rap­pre­sen­tan­ti dei diver­si grup­pi poli­ti­ci pro­ve­nien­ti dal­le regio­ni ordi­na­rie sia pro­prio quel­lo di nor­ma­liz­za­re le auto­no­mie speciali.

Met­ten­do tran­quil­li colo­ro che (in ulti­mo Ainis sul Cor­rie­re) vedo­no una blin­da­tu­ra del­le auto­no­mie spe­cia­li solo per­ché il gover­no ha con­trat­ta­to una clau­so­la di sal­va­guar­dia in cam­bio di una nor­ma­liz­za­zio­ne diretta.

In tan­ti sosten­go­no che una pos­si­bi­li­tà sareb­be quel­la di non modi­fi­ca­re gli sta­tu­ti  (anche Ainis) ma que­sto è sem­pli­ce­men­te impos­si­bi­le visto che gli sta­tu­ti con­ten­go­no nor­me in pale­se con­tra­sto con la pro­po­sta di revi­sio­ne del­la car­ta che votia­mo il 4 dicem­bre.

In chiu­su­ra, mi pare che a tut­ti sfug­ga il vero tema in agen­da: in un’Eu­ro­pa in cui tan­tis­si­mi pae­si aumen­ta­no il decen­tra­men­to per vin­ce­re le spin­te sepa­ra­ti­ste del­le regio­ni noi, in tota­le con­tro­ten­den­za, varia­mo una rifor­ma cen­tra­li­sta ed accen­tra­tri­ce. Il tema non riguar­da le sole auto­no­mie spe­cia­li ma il regio­na­li­smo ita­lia­no ed i livel­li inter­me­di di gover­no. La vera scel­ta da fare era met­te­re ordi­ne al fede­ra­li­smo intro­dot­to nel tito­lo V, amplian­do le com­pe­ten­ze e chie­den­do che venis­se­ro eser­ci­ta­te in modo cor­ret­to sen­za spre­chi e pre­mian­do le regio­ni vir­tuo­se. Ciò avreb­be por­ta­to ad un Sena­to real­men­te fede­ra­le, con un vin­co­lo di man­da­to e con un sen­so poli­ti­co for­te. Oggi ci ritro­via­mo un Sena­to pastic­cia­to, un tito­lo V rifor­ma­to male ed una nuo­va deri­va cen­tra­li­sta di cui fran­ca­men­te non si sen­ti­va il bisogno.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.