Roma: ancora al fianco dei migranti, ancora al fianco di Baobab

Siamo ancora al fianco di Baobab, per denunciare ogni giorno le imperdonabili mancanze della giunta romana sull'accoglienza dei migranti.

Tra i tan­ti pro­ble­mi che l’attuale ammi­ni­stra­zio­ne capi­to­li­na non è in gra­do di affron­ta­re c’è, sen­za dub­bio, quel­lo dell’acco­glien­za dei migran­ti.

Pos­si­bi­le si è schie­ra­to al fian­co dei volon­ta­ri del Bao­bab e dei suoi ospi­ti fin dal pri­mo gior­no, dichia­ran­do­si aper­ta­men­te con­tro lo sgom­be­ro di una real­tà che agi­va lad­do­ve nes­sun altro era in gra­do di inter­ve­ni­re. Un “model­lo di gene­ro­si­tà”, che avreb­be meri­ta­to tut­to il sup­por­to pos­si­bi­le, ma che ha rice­vu­to sol­tan­to indif­fe­ren­za e non­cu­ran­za da par­te del­la poli­ti­ca roma­na.

Sia­mo sem­pre sta­ti al fian­co degli ami­ci dei Radi­ca­li Roma, insie­me ai qua­li ci sia­mo bat­tu­ti per cer­ca­re di evi­ta­re lo sgom­be­ro e tro­va­re solu­zio­ni per gli ospi­ti del cen­tro e, più in gene­ra­le, per miglio­ra­re tut­to il siste­ma di acco­glien­za al livel­lo cittadino.

E sono sta­ti pro­prio i Radi­ca­li Roma che han­no dato ini­zio ad una cam­pa­gna di sen­si­bi­liz­za­zio­ne in col­la­bo­ra­zio­ne con il Bao­bab Expe­rien­ce, denun­cian­do ogni gior­no il nume­ro dei migran­ti costret­ti a dor­mi­re per stra­da per­ché l’am­mi­ni­stra­zio­ne non è anco­ra riu­sci­ta a tro­va­re solu­zio­ni efficaci.

Pos­si­bi­le dichia­ra il suo pie­no appog­gio a que­sta cam­pa­gna, impe­gnan­do­si a dif­fon­der­ne i con­te­nu­ti e insi­sten­do per tro­va­re, insie­me a tut­ti gli atto­ri coin­vol­ti, rispo­ste che l’attuale giun­ta non è evi­den­te­men­te in gra­do di dare.

baobab

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.