Siria, Civati-Maestri: Mobilitazione per la pace

“L’attacco di Usa, Gran Bre­ta­gna e Fran­cia in Siria non può rap­pre­sen­ta­re la solu­zio­ne alla guer­ra in Siria, che da anni va avan­ti nel sostan­zia­le disin­te­res­se inter­na­zio­na­le e media­ti­co. L’unico risul­ta­to pos­si­bi­le dei mis­si­li lan­cia­ti in que­ste ore è quel­lo di aumen­ta­re il nume­ro di vit­ti­me civi­li e di far defla­gra­re la ten­sio­ne sul­lo sce­na­rio inter­na­zio­na­le”. Lo dichia­ra­no gli espo­nen­ti di Pos­si­bi­le, Pip­po Civa­ti e Andrea Maestri.

 

“Pos­si­bi­le — aggiun­go­no Civa­ti e Mae­stri — è pron­ta alla mobi­li­ta­zio­ne paci­fi­sta per ripor­ta­re la pace al cen­tro del dibat­ti­to. E riba­di­re un con­cet­to sem­pli­ce: con­tro la guer­ra, l’unica solu­zio­ne è la pace”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.