Terremoto, Brignone: Da nostri pacchi solidali 25mila euro ad aziende del territorio

“Un tota­le di 657 pac­chi invia­ti per la cifra com­ples­si­va di 24.793 euro desti­na­ti ai pro­dut­to­ri. Que­sto è sta­to il nostro soste­gno per il Nata­le 2019 alle azien­de che lavo­ra­no nel­le zone col­pi­te dal ter­re­mo­to degli scor­si anni. La nostra ini­zia­ti­va ‘Ter­re resi­sten­ti’, con i pac­chi nata­li­zi di pro­dot­ti tipi­ci, è anda­ta oltre le miglio­ri aspet­ta­ti­ve: abbia­mo più che rad­dop­pia­to la som­ma otte­nu­ta nel­lo scor­so Nata­le, quan­do il pro­get­to è sta­to rea­liz­za­to per la pri­ma vol­ta. C’è gran­de sod­di­sfa­zio­ne da par­te nostra e l’im­pe­gno a sta­re sem­pre vici­no a chi resi­ste alla dif­fi­col­tà di un ter­ri­to­rio, abban­do­na­to dal­le Isti­tu­zio­ni e lascia­to in balia del­la buro­cra­zia”. Lo dichia­ra la segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, Bea­tri­ce Bri­gno­ne, for­nen­do i dati di ‘Ter­re resi­sten­ti, l’i­ni­zia­ti­va rea­liz­za­ta dal suo par­ti­to a sup­por­to del­le azien­de di pro­dot­ti tipici.

“La nostra ini­zia­ti­va — aggiun­ge Bri­gno­ne — però non può basta­re. Mol­ti Comu­ni sono anco­ra a pez­zi, nel vero sen­so del­la paro­la. Ed è sem­pre più dif­fi­ci­le pro­get­ta­re un futu­ro in quei bor­ghi. Da par­te di Pos­si­bi­le, e di tut­ta la comu­ni­tà che si è spe­sa per con­sen­ti­re la pre­pa­ra­zio­ne e l’in­vio dei pac­chi, c’è la pro­mes­sa di pro­se­gui­re sul soste­gno alle ‘Ter­re resi­sten­ti’. Ma ripe­to anco­ra: sen­za un inter­ven­to dei vari livel­li di gover­no, dal nazio­na­le al regio­na­le, quel­le zone rischia­no di spo­po­lar­si ulte­rior­men­te. Noi fare­mo di tut­to per evi­tar­lo, spe­ro che lo stes­so fac­cia­no anche chi par­la, spes­so in manie­ra pro­pa­gan­di­sti­ca, del­le popo­la­zio­ni col­pi­te dal terremoto”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.