Transizione conclusa con esito positivo

La paro­la tran­si­zio­ne è sicu­ra­men­te una di quel­le mag­gior­men­te uti­liz­za­te nel­lo sto­ry­tel­ling degli ulti­mi mesi. Com­pli­ce il “Gover­no dei Miglio­ri” – che miglio­ri non sono – tut­ti han­no inco­min­cia­to a par­la­re di tran­si­zio­ne di qua, tran­si­zio­ne di là, tran­si­zio­ne di oggi, di domani…

Paro­le al ven­to, appun­to solo e sem­pli­ci paro­le per­ché i fat­ti anco­ra non si vedono.

Anzi, i fat­ti ci dico­no altro. Ci par­la­no di auto­riz­za­zio­ni rila­scia­te con esi­to posi­ti­vo, di pare­ri favo­re­vo­li alle tri­vel­la­zio­ni in mare, di impian­ti da fon­ti fos­si­li o di mega cen­tra­li come quel­la di Pre­sen­za­no che si aggiun­go­no alle altre esi­sten­ti deci­sa­men­te più inqui­nan­ti, che non si vor­reb­be­ro spegnere.

Men­tre i colos­si ener­ge­ti­ci annun­cia­no la chiu­su­ra di nume­ro­si cen­tra­li a car­bo­ne come Brin­di­si e Civi­ta­vec­chia, paral­le­la­men­te l’accordo – al ribas­so – rag­giun­to dal nostro pae­se è che inve­ce di incen­ti­va­re e spin­ge­re sul­le rin­no­va­bi­li e sul­la crea­zio­ne di dispo­sti­vi di accu­mu­lo in nume­ro suf­fi­cien­te per la rete elet­tri­ca nazio­na­le, ci appog­ge­re­mo sul­le cen­tra­li a gas.

Gli step del 2023 e del 2025 pre­vi­sti nel Pia­no Nazio­na­le Inte­gra­to per l’Energia e il Cli­ma sono i pri­mi appun­ta­men­ti di un per­cor­so che deve por­tar­ci all’obiettivo del­le zero emis­sio­ni del 2050.

La stra­da intra­pre­sa non ci con­vin­ce mol­to, soprat­tut­to per­ché la tran­si­zio­ne da eco­lo­gi­ca sta diven­tan­do solo una tran­si­zio­ne ener­ge­ti­ca, sen­za una spin­ta deci­si­va ver­so le fon­ti rin­no­va­bi­li e soprat­tut­to sen­za occu­par­si con­cre­ta­men­te del­le restan­ti poli­ti­che di dife­sa del patri­mo­nio natu­ra­le italiano.

In que­sti gior­ni appren­dia­mo di mee­ting o riu­nio­ni a cui par­te­ci­pa­no vari mini­stri: da quel­lo del­la Tran­si­zio­ne Eco­lo­gi­ca, all’Agricoltura e poli­ti­che fore­sta­li, ai Tra­spor­ti… pur­trop­po le dichia­ra­zio­ni di fine lavo­ri rila­scia­te dagli stes­si par­te­ci­pan­ti ci pre­oc­cu­pa­no e soprat­tut­to, ma non solo, per­ché si ha l’impressione che non abbia­mo par­te­ci­pa­to alla stes­sa riunione.

Per mez­zo pas­so in avan­ti che fa ben spe­ra­re, assi­stia­mo poi a dichia­ra­zio­ni e deci­sio­ni che inve­ce van­no nel­la dire­zio­ne oppo­sta e ci ripor­ta­no indie­tro nel tempo.

Insom­ma, nei “miglio­ri” c’è mol­ta con­fu­sio­ne e soprat­tut­to man­ca una visio­ne com­ples­si­va nuo­va e soste­ni­bi­le. Ad esem­pio on si può par­la­re di tute­la del patri­mo­nio natu­ra­le e poi con­si­de­ra­re i boschi ita­lia­ni “uti­li” solo per­ché pro­du­co­no legno, sen­za con­si­de­ra­re inve­ce altri e più impor­tan­ti ser­vi­zi eco­si­ste­mi­ci offer­ti dal patri­mo­nio boschi­vo italiano.

Man­ca una stra­te­gia “comu­ne” per­ché a quan­to pare i mini­stri non si par­la­no tra loro o se par­la­no usa­no lin­guag­gi e lin­gue diver­se e non si capiscono.

Il gover­no dei miglio­ri è la nuo­va Tor­re di Babe­le, e que­sto deve asso­lu­ta­men­te far­ci preoccupare.

Si sta per­den­do tem­po, il 2023 è già qui così come il 2050!

Sen­za dimen­ti­ca­re le imman­ca­bi­li pen­nel­la­te di gree­n­wa­shing che ormai stan­no diven­tan­do patri­mo­nio comu­ne a sini­stra quan­to a destra, anzi a vol­te la dif­fe­ren­za non la si vede proprio.

Paro­le, paro­le, paro­le can­ta­va Mina.

Ecco, dai “miglio­ri” ci aspet­te­rem­mo dei fat­ti con­cre­ti e nel­la dire­zio­ne giu­sta… ma inve­ce la tran­si­zio­ne, come la die­ta, ini­zia­mo a far­la da domani.

Wal­ter Girar­di Cattaneo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.