Una cosa sbagliatissima ma almeno sincera

Gianni Cuperlo dice che il referendum non è solo un plebiscito su Renzi ma è addirittura il congresso del Pd. Che dopo nel Pd se vincono i sì ci sarà solo Renzi. Una posizione talmente sbagliata che - nel tempo paradossale e devastato in cui viviamo - è corretta nell'analisi.

Gian­ni Cuper­lo dice che il refe­ren­dum non è solo un ple­bi­sci­to su Ren­zi ma è addi­rit­tu­ra il con­gres­so del Pd. Che dopo nel Pd se vin­co­no i sì ci sarà solo Renzi.

Una cosa abo­mi­ne­vo­le dal pun­to di vista costi­tu­zio­na­le (ci si chie­de tra l’al­tro per­ché Cuper­lo e altri del­la mino­ran­za dem abbia­no pri­ma sot­to­va­lu­ta­to, poi soste­nu­to, poi comun­que vota­to una rifor­ma del gene­re) per­ché un refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le dovreb­be pre­ce­de­re sia qual­sia­si con­si­de­ra­zio­ne sul gover­no sia — a mag­gior ragio­ne — qual­sia­si dibat­ti­to tra cor­ren­ti all’in­ter­no di un par­ti­to che è pro­mo­to­re di una posi­zio­ne asso­lu­ta per il sì.

Una posi­zio­ne tal­men­te sba­glia­ta che — nel tem­po para­dos­sa­le e deva­sta­to in cui vivia­mo — è cor­ret­ta nel­l’a­na­li­si: ana­li­si tar­di­va e a ritro­so, direm­mo noi, che l’ab­bia­mo fat­ta due anni fa, ma veri­tie­ra nel­l’in­di­ca­re quan­to sia vel­lei­ta­rio discu­te­re di Pd al net­to o dopo il referendum.

Una bel­la sco­per­ta, insom­ma. Che ci pia­ce regi­stra­re, nel­la spe­ran­za (per noi più alta) che vin­ca­no i no. Per­ché lo ricor­dia­mo, si trat­ta del­la Costi­tu­zio­ne e non del futu­ro poli­ti­co del lea­der bul­lo e del­le mino­ran­ze del quou­sque­tan­dem. Di sostan­za, e non di posi­zio­na­men­ti. Di chia­rez­za cir­ca l’im­pian­to demo­cra­ti­co, e non di sfi­de personali.

 

P.S.: Cuper­lo, si noti en pas­sant, non dice come vote­rà. Sareb­be cari­no saper­lo, per­ché sap­pia­mo che Ber­sa­ni e i suoi vote­ran­no sì, come han­no fat­to in aula, alla Came­ra e in Senato.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.