Vin Brûlé Constitution Tour: con Andrea Maestri in tutte le piazze della Romagna

Da Ravenna, sabato 12 novembre è partito il Vin Brûlé Constitution Tour che in 12 tappe girerà in lungo e in largo le piazze della Romagna: una formula casereccia e moderatamente alcolica per incontrare le persone e parlare delle mille ragioni del NO.

Da Raven­na, saba­to 12 novem­bre è par­ti­to il Vin Brû­lé Con­sti­tu­tion Tour che in 12 tap­pe (Cese­na e For­lì il 26, Rimi­ni, Ric­cio­ne, Savi­gna­no sul Rubi­co­ne, Cese­na­ti­co il 1′ dicem­bre, Rus­si, Faen­za, Alfon­si­ne, Lugo il 2) gire­rà in lun­go e in lar­go le piaz­ze del­la Roma­gna: una for­mu­la case­rec­cia e mode­ra­ta­men­te alco­li­ca per incon­tra­re le per­so­ne e par­la­re del­le mil­le ragio­ni del NO.

Il nostro depu­ta­to roma­gno­lo Andrea Mae­stri, affian­ca­to dai comi­ta­ti loca­li di Pos­si­bi­le, gire­rà arma­to di pan­chet­to di legno, mega­fo­no e scor­ta bol­len­te di vin brû­lé. Per­ché pro­prio il vin brû­lé? Per­ché que­sta bevan­da colo­ra­ta, cal­da e spe­zia­ta è la meta­fo­ra (o for­se la meto­ni­mia?) di un modo sem­pli­ce e popo­la­re per affron­ta­re temi anche com­ples­si, tra le per­so­ne e con le per­so­ne. Per dimen­ti­ca­re erro­ri e brut­tu­re del­la rifor­ma, per esal­ta­re i prin­ci­pi fon­da­men­ta­li del­la pri­ma par­te del­la Costi­tu­zio­ne, per festeg­gia­re insie­me una mobi­li­ta­zio­ne sen­za pre­ce­den­ti, allo stes­so tem­po enga­gée e leg­ge­ra, alle­gra.

Un bic­chie­re di vin brû­lé e via, tut­ti insie­me a rimuo­ve­re gli osta­co­li che impe­di­sco­no l’u­gua­le par­te­ci­pa­zio­ne dei cit­ta­di­ni all’or­ga­niz­za­zio­ne poli­ti­ca del­la nostra ama­ta Repubblica!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.