Vogliamo cambiare tutto, ma non male la Costituzione

Voglia­mo cit­ta­di­ni, non clienti.

Voglia­mo sovra­ni, non fritture.

Voglia­mo elet­ti, non nominati.

Voglia­mo una Costi­tu­zio­ne che uni­sce, non una ‘rifor­ma’ che divide.

Voglia­mo comu­ni­tà, non ter­ri­to­ri a cui impor­re deci­sio­ni pre­se altrove.

Voglia­mo con­di­vi­sio­ne, non arroganza.

Voglia­mo serie­tà, non striz­za­ti­ne d’occhio.

Voglia­mo il bene o il meglio, per­ché il “non mi pia­ce ma la voto”, il meno peg­gio, apre sem­pre la stra­da al peggio.

Voglia­mo isti­tu­zio­ni pie­ne di sole, non rifor­me boschi­ve, pie­ne di ombre e di rinvii.

Voglia­mo esse­re sere­ni, non qual­cu­no che ci dica di sta­re sere­ni, come una minaccia.

O me o il Sena­to, dis­se Ren­zi. Ma il Sena­to rima­ne, come la met­tia­mo? Che rima­ne anche lui, ovvia­men­te. Per­ché anche gli slo­gan sono falsi.

Dice che vuo­le meno pote­ri alle regio­ni per­ché ci stan­no quel­li come Bat­man, ma poi riem­pie il Sena­to di quel­li come Bat­man, tra­sfor­man­do­lo in una Bat­ca­ver­na. Con la Batim­mu­ni­tà per ammi­ni­stra­to­ri loca­li e regionali.

Voglia­mo isti­tu­zio­ni di cui i cit­ta­di­ni si fidi­no, non per­so­ne sfi­du­cia­te da slo­gan con­tro la poli­ti­ca. Soprat­tut­to se li usa­no i poli­ti­ci. Soprat­tut­to se stan­no al governo.

Dice che la rifor­ma è quel­lo che ser­ve per il Pae­se, ma per un sesto di Pae­se, 11 milio­ni di abi­tan­ti che vivo­no nel­le regio­ni a sta­tu­to spe­cia­le, quel­la rifor­ma non vale. Come mi ha det­to in Tren­ti­no un soste­ni­to­re del sì: voto a favo­re per­ché non qui non si appli­ca. Che se ci pen­sa­te è un moti­vo per vota­re No, così non si appli­ca da nes­su­na parte.

Pri­ma il Sena­to dove­va anda­re via, poi non dove­va esse­re asso­lu­ta­men­te elet­ti­vo, poi dico­no che non è così. Ma non è vero. Niente.

Voglia­mo veri­tà, non argo­men­ti fal­si e ten­den­zio­si. In con­ti­nuo cam­bia­men­to. Per­ché l’u­ni­ca cosa che cam­bia, ogni gior­no, è la ‘rifor­ma’ pro­po­sta. Come la leg­ge elet­to­ra­le, per la qua­le il gover­no si sfi­du­cia da solo.

Voglia­mo non un sì che basta, voglia­mo dire: basta così. Ne abbia­mo abbastanza.

Voglia­mo cam­bia­re lo sche­ma poli­ti­co, e lo fare­mo. Voglia­mo cam­bia­re le paro­le del­la poli­ti­ca, e già ne stia­mo usan­do di altre e diver­se. Voglia­mo cam­bia­re le scel­te di fon­do. Voglia­mo cam­bia­re il model­lo di svi­lup­po. Voglia­mo cam­bia­re i rap­por­ti di pote­re, a favo­re di chi si sen­te esclu­so, emar­gi­na­to, dimenticato.

Voglia­mo cam­bia­re tut­to, ma non male la Costi­tu­zio­ne. Quel­lo No, pro­prio No.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.