Yemen, Civati: Milioni di bambini vittime, subito stop bombe italiane

Stop imme­dia­to alla ven­di­ta del­le bom­be ita­lia­ne, usa­te nel­la nel­la guer­ra in Yemen dai sau­di­ti, e un impe­gno con­cre­to per far ces­sa­re una dei con­flit­ti più san­gui­no­si degli ulti­mi anni, ma che vie­ne igno­ra­to dai gover­ni occi­den­ta­li. L’I­ta­lia ha il dove­re di assu­me­re del­le ini­zia­ti­ve a comin­cia­re dal bloc­co del­le licen­ze del­le espor­ta­zio­ni per siste­mi d’ar­ma pro­dot­ti nel nostro Pae­se, pro­se­guen­do con un lavo­ro diplo­ma­ti­co e uma­ni­ta­rio nei con­fron­ti del­la popo­la­zio­ne yeme­ni­ta. Trop­pi anni sono già pas­sa­ti, trop­pe bom­be fab­bri­ca­te in Ita­lia sono sta­te sgan­cia­te, nel disin­te­res­se gene­ra­le e nel­l’in­te­res­se mol­to pre­ci­so di pochi, dispo­sti a tut­to”. Lo dichia­ra Giu­sep­pe Civa­ti, fon­da­to­re di Pos­si­bi­le, sol­le­ci­tan­do un inter­ven­to sul con­flit­to in Yemen.

“I nume­ri for­ni­ti da Save The Chil­dren — aggiun­ge Civa­ti — sono dram­ma­ti­ci e per que­sto pre­ten­do­no una rispo­sta con­cre­ta e rapi­da, met­ten­do in cima all’a­gen­da di poli­ti­ca este­ra la guer­ra in Yemen: ogni gior­no vie­ne ucci­so un bam­bi­no dal­le bom­be sgan­cia­te dal­la coa­li­zio­ne gui­da­ta dai sau­di­ti. Altri 10 milio­ni di mino­ri non han­no acces­so ad alcu­ni tipo di cura sani­ta­ria, men­tre oltre un milio­ne di bam­bi­ni ha dovu­to lascia­re la pro­pria casa e spes­so anche la fami­glia. Di fron­te a una tra­ge­dia di que­ste dimen­sio­ni, ser­ve uno scat­to di uma­ni­tà”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Anche ammesso che fosse condivisibile l’obiettivo di anticipare la conclusione del percorso scolastico, l’ipotesi della riduzione a quattro anni del ciclo secondario appare superficiale e semplicistica. In pratica, si tratterebbe di farcire in quattro anni gli studenti dei medesimi contenuti attualmente sviluppati in cinque.